Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2016

LETTURE ESTIVE DA METTERE IN VALIGIA (RISERVATO A CHI SI SENTE GRANDE)

Le scuole sono giunte al termine e l'estate è finalmente alle porte. Se non avete ancora scelto quali libri mettere in valigia ecco i miei consigli per letture che  vi faranno dimenticare i pensieri grigi legati all'ufficio. 1. Apre la lista un libro dedicato alle vacanze mentali: IL TUO CASTELLO TRA LE NUVOLE , DI Barbara Sophia Tammes, Sorzogno editori.  Non vedi l'ora di rilassarti? Di prenderti un po' di tempo da dedicare soltanto a te, senza divieti, obblighi o restrizioni. Questo è il libro giusto...ti aiuterà ad arredare la tua mente e a renderla il posto migliore in cui vivere. 2. La piccola CHARLOTTE  filmmaker, Frank Viva, Fatatrac.   La protagonista è una bambina molto particolare che vive a New York con i suoi genitori e il gatto Macchia (stesso nome della mia cagnolina). Charlotte ama fare film e attraverso le lenti della sua videocamera vede il mondo diversamente dagli altri. Un libro nato nel ricordo della grande cineasta tedesca Lotte Reini

LIBRI CHE CURANO LE MALATTIE DEI GRANDI

Lo so, non è l'ultimo libro pubblicato da questo autore, ma poco importa perché è davvero molto bello. Mi sono imbattuta in questa storia perché ero alla ricerca di una narrazione che potesse coinvolgere un gruppo di bambini, una di quelle trame che permettono di costruire uno spettacolo con i fiocchi. LA MIRABOLANTE MACCHINA DEL VOLO del Dottor Agenore Acquivento scritto da Matteo Razzini illustrato da Angela Marchetti edizionicorsare Lui è Giovanni, un bambino come tanti che coltiva sogni ; da sempre a ma guardare la città dall'alto e ricercare cose straordinarie. Lei è la signora Ciarloni, portinaia acida e petulante del palazzo e soffre di una malattia poco conosciuta ma molto diffusa tra i grandi: ADULTITE ACUTA CON INSPESSIMENTO SASSONICO DEL CUORE . Ma come curare questa patologia? Per farlo Giovanni si improvvisa medico e decide di cambiare la sua identità..diventa così il dottor Agenore Acquivento. Ora non gli resta che sperimentare possibili rimedi