Passa ai contenuti principali

UN LIBRO IN INGLESE PER BAMBINI DA LEGGERE ALL'ORA DEL TE'

Ciao! Eccomi tornata.

Alzi la mano chi da piccolo non ha mai desiderato uno spazio accogliente per sognare e isolarsi dal mondo...

In questi giorni ero proprio alla ricerca di un altrove immaginativo quando mi sono imbattuta nelle fantastiche tende di Janine.

Janine è una mamma del Galles che ha deciso di puntare tutto sui sogni e da quando è nata la sua piccola Vivienne (20 mesi) ha iniziato a dedicarsi e a produrre delle fantastiche tende. 
"LittleMe Teepee" è un'idea nata da una grande passione per i tessuti di qualità e dalla voglia di realizzare artigianalmente ogni pezzo con tanto amore.

                           




La tenda può essere vissuta come rifugio per avventure esilaranti, da soli o in compagnia, magari di un buon libro.




Queste tende permettono giochi perfetti e molti anni d'amore e di risate sia all'interno che all'esterno.
(A LittleMe Teepee makes the perfect play tent that will provide many years of love and laughter both indoors and out).


Quale libro ci consigliano Janine e la piccola Vivienne ?
THE TIGER WHO CAME TO TEA di Judith Kerr
Harper Collins Children Books



E' una storia edita nel 1968 che è rimasta estremamente popolare e dopo più di 40 anni dalla pubblicazione, ha dato vita a una mostra al Victoria & Albert Museum.
Il libro parla di una ragazza di nome Sophie, di sua madre e di un'elegante tigre che simpaticamente interrompe il loro thé quotidiano.
L'autrice dell'albo è nata a Berlino nel 1923, fuggì con la famiglia in Inghilterra (dove tutt'ora vive) per scappare alle persecuzioni naziste.
Il padre di Judith era un noto critico teatrale che aveva apertamente criticato il regime nazista.
in Italia l'autrice è conosciuta per il romanzo in parte autobiografico "Quando Hitler rubò il coniglio rosa" (un classico Rizzoli che invita gli adolescenti a fare i conti con la storia).

Judith Kerr al lavoro


Le tende di LittleMe Teepee ti sono piaciute ?
 Per maggiori informazioni clicca qui



Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl