Passa ai contenuti principali

NARRAZIONI A VICENZA

Ieri ho finalmente ricevuto le foto della Fiera Children and Family di Vicenza e ho pensato di condividere con voi i bellissimi scatti del fotografo Davide Bartolai
(devo ammettere che ho fatto bene ad affidarmi alla sua professionalità e a lasciare a casa, per un giorno, la mia inseparabile reflex)



L'Editore Camelozampa mi ha concesso piena fiducia nella scelta dei titoli da presentare...

i libri selezionati ( La casa invernale dell'Orso e Mamma Mammut) hanno catturato i piccoli lettori...


e le narrazioni hanno riscosso parecchio successo..;-)

(si intravede la cassettina da frutta porta libri? è stata tinta di bianco dal mio paziente marito e mi è stata donata da Elisa, una preziosa organizzatrice di eventi )


Che dire dei i biscotti fatti a mano dalla Simo, la mia amica del "cuore" ???!!!


Anche i marshmallow (sempre della Simo) sono stati parecchio apprezzati...



                                 cosi come i lecca lecca (quante leccornie) !!!


             


Lo spazio "atelier" dedicato alla coloritura degli orsi è stato preso d'assalto...
(confesso che nei miei laboratori adoro mettere a disposizione i pastelli a cera perchè hanno un non so che di antico e rassicurante che affascina chi li utilizza) 


L'angolo adibito alla lettura delle storie è risultato molto invitante, elegante, morbido, accogliente e per questo motivo voglio ringraziare Manifatture del Nord (gruppo Max Mara) per averci donato il telo che è stato saggiamente trasformato in tappetone dei racconti...





Spero di non aver dimenticato nessuno perchè parecchi mi hanno sostenuta in questa bellissima avventura.

Vi lascio i link dei libri letti in fiera:





E complimenti a Milly Marchioni (organizzatrice del gruppo Family Blogger)

Commenti

  1. ciao! Bellissimo racconto! E super brava! La prossima volta spero di riuscire a partecipare più attivamente! ˆ_ˆ

    RispondiElimina
  2. Che belle foto! E che bella idea! Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Bellissima esperienza e foto meravigliose!!! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl