Passa ai contenuti principali

BAMBINI PERFETTI..un libro sui difetti

Avete mai letto I CINQUE MALFATTI?
Se non lo avete fatto vi consiglio di procurarvelo.
Ho scoperto che è in gara nella categoria ALBI ILLUSTRATI, per il Premio ORBIL 2015.
Il Premio ORBIL viene assegnato dall'Associazione Librerie Indipendenti di Bologna che sapientemente seleziona tre titoli nel panorama dell'editoria infantile nelle seguenti categorie: ALBI ILLUSTRATI, ROMANZO 6/9, ROMANZO 10/14.


I CINQUE MALFATTI

Beatrice Alemagna 
Topipittori editore

illustratori



I cinque malfatti sono cinque personaggi assai strani.
Il primo è bucato come un colino;
il secondo è piegato in due, come una lettera da spedire;
il terzo è piuttosto molle e ha l'aria di uno che dorme in piedi;
Il quarto è capovolto, tanto che per guardarlo in faccia ti devi far venire male al collo;
e il quinto....è tutto sbagliato!!!!!



illustratori

La casa in cui abitano è alquanto sinistra e pende più da una parte che dall'altra.

illustratori

E che fanno? Beh i Cinque Malefatti non amano fare niente, ma proprio niente...


Finché un giorno in mezzo a loro, arriva lui: il tipo Perfetto. 


illustratori


"ERA BELLO, LISCIO, PERFETTO, AVEVA UN NASO AL POSTO DEL NASO, UN CORPO BELLO DRITTO, NEMMENO UN BUCO IN PANCIA, PURE UNA BELLA CAPIGLIATURA"

Insomma il tipo che, se credi poco in te stesso, non vorresti mai incontrare.
A guardarlo bene, l'aspetto del nuovo arrivato pare si perfetto..ma certamente  ha dei mutandoni fuori misura, capaci di far ridere a crepapelle persino il bambino più serio!!

Il resto lo lascio a voi..



Questo albo è geniale, ti cattura fin dalla prima pagina.

Beatrice Alemagna, autrice e illustratrice, ancora una volta si dimostra all'altezza, forte della sua esperienza nel panorama infantile e di quel suo tratto raffinato che la contraddistingue.


illustratori
Beatrice Alemagna al lavoro
In bocca al lupo a Beatrice e ai suoi cinque Malfatti (che poi tanto male non sono)!

Commenti

  1. Letto e riletto e riletto ancora qui a casa mia. Spesso le parole e i personaggi o le loro caratteristiche vengono citati dalle mie piccole per esprimere (o complementare l'espressione di) un pensiero. Un libro che fa tanta compagnia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a casa nostra non ci stanchiamo mai di rileggere i libri che ci entrano nel cuore ;-)

      Elimina
  2. originale nella sua semplicità! malfatti ma carini!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl