Passa ai contenuti principali

STORIE IN VIAGGIO, CI VEDIAMO A REGGIONARRA

Reggio Emilia è la mia città, se dovessi descriverla direi che è abbastanza piccola da risultare tranquilla e sufficientemente grande da offrire ampie esperienze a chiunque la visiti.
Sabato 23 e domenica 24 maggio si svolgerà la decima edizione di Reggio Narra, la notte dei racconti dedicata ai bambini e chi come loro ama sognare.




In quest'occasione piazze, vie, cortili e angoli della città si trasformano in spazi narranti.
Gli occhi diventano curiosi e le orecchie golose di storie.
Chi ama le narrazioni attende con ansia questa data.
Le immagini della città travestita, entrano nella mente come fotografie e basta portare l'attenzione sui ricordi di quei momenti per venire travolti da un'ondata di emozioni.
Chi lavora dietro a Reggionarra sostiene il pensiero che ogni persona possiede dentro di sé un talento naturale nel raccontare storie, per questo ha offerto la possibilità alla cittadinanza di partecipare attivamente al progetto, rendendolo comunitario.
Io ne farò parte..non mi sembra vero!!
Domenica 24 maggio, alle 18.30, presso i Chiostri delle Ghiara, porterò "Storie in viaggio" insieme a Mary Franzoni di playgroundaroundthecorner.
Grazie a una vecchia valigia e poco altro, capirete come le storie amino viaggiare.
Il tutto sarà accompagnato da una bellissima galleria di immagini legate al percorso Fotografia Europea

Reggio Narra è un esempio di città viva, con voglia di fare e coinvolgere, attenta ai più piccoli e chi come loro ha voglia di mettersi in gioco (genitori, insegnanti, cittadini..).
Tema di quest'anno, in relazione con Milano Expo 2015, è:
"Seminar storie fra cielo e terra".

Terra di sognatori e visionari, Reggio è culla di innovazione culturale e sociale come raccontato da City of Cooperation, progetto nato per presentare la cooperazione reggiana ad Expo 2015.
L'innovazione sociale pensata e proposta, comprende i servizi che si occupano dei bisogni della persona, per aumentarne il benessere.

Il progetto racconta la mia città come un luogo forte di una ricca rete di legami tra le persone.


Siete curiosi da saperne di più? Ecco il link al loro sito

Clicca qui per scaricare il programma completo di Reggio Narra

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl