Passa ai contenuti principali

UNA SIMPATICA LUCINA PER LEGGERE STORIE DELLA BUONANOTTE

Anche voi come me avete dei topolini che leggono in notturna?
Recentemente ho fatto una nuova scoperta e ho pensato di fare cosa gradita a condividerla con voi.

Si tratta di PAUL the BEAR, un simpatico orsetto che possiede un sorriso luminoso che si attiva premendone il nasino.
L'azienda produttrice è la conosciuta VARTA, leader nel settore delle batterie.
Head light è una nuova torcia da testa ideale per compiere avventure notturne come 
leggere un libro!


mamma leggiamo insieme
Prova a dire abbracciami, Camelozampa

Noi l'abbiamo regolata per poter essere indossata sulla testolina di mio figlio Alessandro e abbiamo deciso di provarla per voi. Ora, dopo una settimana di utilizzo, siamo felici di parlarvi di questa esperienza preziosa e innovativa.
In passato avevamo utilizzato quelle lucine che si applicano alle pagine del libro, direi niente di paragonabile. Paul l'orsetto è davvero ben pensato, luminoso al punto giusto, anche il suo design è decisamente accattivante, passeranno pochi giorni e entrerà nel rituale del sonno di parecchi bambini!

mamma leggiamo insieme
Head light di Varta




mamma leggiamo insieme

E per chi è solito crollare dalla stanchezza? nessun problema, un sensore "intelligente" attiverà lo spegnimento automatico dopo 30 minuti.
La fascia è facilmente regolabile, smontabile e lavabile.

Sono certa che mio figlio passerà le vacanze a leggere nella sua cameretta..





Ringrazio Nora per avermi fatto conoscere e provare questo fantastico prodotto ;-)

Commenti

  1. Bellissima idea! Originale e super!!! Tra poco compirà gli anni mio nipote e lui ama tantissimo leggere! Sopratutto prima di addormentarsi. Così ho pensato di regalargli qualche libro adatto alla sua età e sicuramente aggiungerò questa torcia fantastica! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima idea Jessica, sono certa che tuo nipote apprezzerà il bel pensiero ;-) attendo notizie

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl