Passa ai contenuti principali

PENSARE POSITIVO AIUTA A VIVERE MEGLIO

Gennaio per me è iniziato con un trasloco, 13 lunghi anni da inscatolare e un nido da abbandonare. Mi rendo conto che mi servirebbe una buona dose di ottimismo, vorrei avere la capacità di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno, piuttosto che mezzo vuoto, perché 
pensare positivo aiuta a vivere meglio! 


GLI OTTIMISTI MUOIONO PRIMA
Susin Nielsen
Il Castoro

blog libri leggiamo insieme ottimismo

Petula è una ragazzina di 16 anni che vive a Vancouver.
La madre lavora per una catena di librerie ed è volontaria presso un'associazione che si occupa di recupero e adozioni di gatti randagi.
Il padre è un amante della musica e ha scelto il nome della figlia in onore di una delle sue cantanti preferite, Petula Clark.

Sotto il cappello con le orecchie da gatto che si è fatta da sé, Petula nasconde una buona dose di cinismo, la convinzione che a essere pessimisti ci si azzecca sempre e il dolore per una perdita che sembra impossibile da superare.
La sua vita è stata segnata da una disgrazia che le provoca sensi di colpa intensi e la porta a credere che pensare sempre al peggio sia un precauzionale buonsenso.

L'ottimismo è lontano anni luce dal suo modo di vivere, molto meglio pensare il pessimismo, rende tutti più realistici e concreti...e allontana dai pericoli di qualsivoglia natura.

Petula non riesce a vivere in modo spensierato e per questo motivo a scuola la obbligano a frequentare un corso di arteterapia per ragazzi in difficoltà.
E' proprio qui che conosce Jacob, un bellissimo ragazzo pieno di umorismo e di energia, con una protesi al braccio e un doloroso segreto.
Le strade dei due ragazzi si incrociano e ne nasce qualcosa di bello.
L'amore è dietro l'angolo, ma è difficile lasciarsi il cinismo alle spalle.


Come si fa a capire quando vale la pena correre il rischio?

Un libro profondo e penetrante da leggere tutto d'un fiato!
Adattissimo ai giovani lettori che ogni giorno vivono un vortice di emozioni senza avere le giuste chiavi di lettura. 
L'autrice affronta con naturalezza molteplici temi così vicini ai ragazzi: sfiducia, solitudine, amore, rapporti di coppia, separazione, divorzio.

Nella vita c'è chi sceglie di rimanere inerme per isolarsi dal dolore e chi decide di reagire, affrontare le proprie paure e vedere cosa succede. Senza certezze. 


" NON TROPPO NASCOSTO INDIETRO.
MA NEMMENO TROPPO IN VISTA.
PERO' COMUNQUE VISIBILE, SEMPRE. "







Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl