Passa ai contenuti principali

LIBRI PER BAMBINI E MELE A MERENDA!

Ottobre, i frutteti si stanno lentamente spogliando e sugli alberi le mele si avviano verso il termine del loro ciclo di maturazione, per chi non lo sapesse il periodo di raccolta ricade tra la fine di agosto e la fine di ottobre.
Sono gli ultimi giorni utili per fare una scorpacciata di mele!

Questi "non frutti" detti anche "frutti composti", sono ricchi di zuccheri a lento rilascio e di vitamine e sali minerali, sono in grado di spezzare la fame e ricaricare senza appesantire. Anche in cucina sono estremamente versatili e permettono molteplici realizzazioni.


Nel mio recente viaggio in Danimarca, ho apprezzato il fatto che molte persone, davanti alle loro abitazioni, mettessero a disposizione ceste di mele provenienti dai loro alberi, per offrirle ai passanti. 

A volte però chi raccoglie questi deliziosi frutti può imbattersi in vere e proprie disavventure. 
Scoprite cosa accade al piccolo Toto.. 

merende sane Toto vuole la mela Fatatrac


TOTO VUOLE LA MELA
Mathieu Lavoie
Edizioni Fatatrac

Toto è un piccolo vermetto assai caparbio, un bel giorno nota una mela appesa ad un albero e decide di impossessarsene.

Tanti sono gli stratagemmi che il protagonista mette in atto per raggiungere il suo obiettivo. Mamma e papà gli hanno sicuramente insegnato che di fronte ad una situazione complicata non ci si deve arrendere.

Toto cerca di farsi venire in mente idee più o meno strampalate per riuscire nella sua impresa, osserva, si mette in ascolto, comprende quando è il momento giusto per agire e non si perde d’animo.

Nei libri, come nella vita, capita a volte che gli eventi prendano pieghe strane e non vadano esattamente come li abbiamo idealizzati.
Proprio nel bel mezzo dei tentativi, una bambina e la sua mamma arrivano nel frutteto e decidono di raccogliere l’oggetto del desiderio che è ormai maturo.

La tenacia del protagonista lo aiuterà a non perdere di vista il suo obiettivo?

Non voglio anticiparvi il finale della storia ma sappiate che in un certo senso il vermetto riuscirà a raggiungere il suo obiettivo, in un modo un tantino bizzarro però!

Mathieu Lavoie propone illustrazioni vivaci e pulite, attirano l'attenzione anche dei lettori più piccini. L’albero rimane come sfondo rassicurante in quasi tutte le pagine e una serie di animali dai volti amorevoli si alternano per aiutare il protagonista nella sua impresa.

Cosa ho apprezzato?
Il colpo d'occhio della copertina ha catturato la mia attenzione; sfogliando le pagine ho apprezzato la semplicità e l'immediatezza delle illustazioni.
Pensando ai bambini più piccoli lo trovo utile perché nella storia vengono sottolineati concetti di spazialità fondamentali per imparare ad orientarsi:
“La mela è in alto, Toto è in basso.” “Toto è qui. La mela è là”

Idee?
Provate a pensare ad un finale alternativo per correre in aiuto del piccolo Toto.


Questa recensione ricade nel progetto Green del MiniOrto.
Correte sui profili delle altre ragazze del Team per scoprire i titoli che hanno scelto e tante ricette per preparare appetitose merende ai vostri bambini..ovviamente tutte con la mela come ingrediente base!






Un ringraziamento alla Casa Editrice Fatatrac per l’invio della copia del libro.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…