Passa ai contenuti principali

MARIA MONTESSORI: LA BIOGRAFIA DI UNA DONNA CHE HA DEDICATO LA SUA VITA ALL'INFANZIA

A centocinquant'anni dalla nascita ( 31 agosto 1870 ), esce una biografia di Maria Montessori, medico, neuropsichiatra infantile, pedagogista, filosofa ed educatrice che ha segnato la pedagogia del '900.  Accostarsi al suo Metodo aiuta a cambiare il modo di intendere il bambino, la scuola e l'educazione. 
Ecco un buon motivo per leggerla, non credete ?

foto Maria Montessori biografia libro


Valeria Rossini
Una vita per l'infanzia. Una lezione da realizzare

Spiegare il il cammino di Maria Montessori non è certamente cosa semplice,  ci è riuscita bene la professoressa Valeria Rossini che ha cercato di mettere in luce i punti di forza di questa rivoluzionaria visione dell'infanzia.

CHI È MARIA MONTESSORI?

Maria Tecla Artemisia Montessori nacque il 31 agosto 1870 a Chiaravalle, in provincia di Ancona. Ricevette un'educazione in cui si fondevano fede religiosa e scienza moderna. Da subito manifestò uno spiccato interesse per la matematica e le scienze naturali, si laureò in Medicina all'Università di Roma e iniziò a lavorare come pediatra. Questo contesto le permise di avvicinarsi ai bambini affetti da disabilità psichiche e alla nascente pedagogia speciale

Iniziò a rivolgere la sua attenzione alle ricerche sul recupero dei bambini definiti "anormali" e, raccogliendo l'eredità di due colleghi francesi, Itard e Séguin, arrivò ad accusare la società del mancato interesse verso i bambini disturbati e a rischio, auspicando la creazione di istituti speciali di educazione per permettere a questi di coltivare attitudini, competenze e relazioni. 

Il metodo della pedagogista marchigiana prese forma nel 1907 con la realizzazione della "Casa dei bambini", prima scuola montessoriana, esempio seguito via via in tutto il mondo.

UNA LETTURA PER TUTTI

La lettura di Valeria Rossini ci riconsegna un pezzo di storia legato alle Scienze dell'Educazione e consente a ciascuno di noi di avvicinarsi al mondo di questa straordinaria donna candidata per tre volte al premio Nobel per la pace. 

"La finalità essenziale di questa biografia è quella di riuscire a raggiungere molte persone, anche non addette ai lavori, per farle innamorare di quello sguardo scientifico sulla vita dell'infanzia che la dottoressa ha sempre difeso e preteso."

Nel racconto troviamo ben descritto il personaggio pubblico ma anche la delicata sfera privata di Maria Montessori; nei capitoli vengono annoverati i punti di forza di un metodo che negli anni è stato attaccato duramente. 

Come ricorda l'autrice, per comprendere il ritratto di questa donna complessa e geniale è senz'altro fondamentale sintonizzarci con il suo linguaggio, senza dimenticare il periodo storico in cui visse e conseguentemente le difficoltà dettate dall'epoca. 


IL METODO EDUCATIVO

Il metodo Montessori persegue una finalità essenziale che è l'autonomia del bambino . 

Per raggiungere questa finalità, occorrono tre condizioni fondamentali: 
-un ambiente a misura di bambino; 
-la libera scelta delle attività;
-il materiale scientifico.

Il bambino per crescere necessita di un ambiente adatto che gli consenta di muoversi liberamente per scoprire da solo il mondo che lo circonda. Importantissima la scelta del materiale scientifico studiato per esercitare tutto l'apparato sensorio-motore. Un altro aspetto fondamentale, dopo l'ambiente e il materiale, è certamente la figura dell'insegnante o "direttrice"che necessita di una formazione specifica e una comprovata attitudine a padroneggiare il metodo.


QUAL È L'EREDITÀ DI MARIA MONTESSORI?

Disciplina dolce, autonomia, gestione della classe, inclusione, formazione adeguata dei docenti, cittadinanza globale, tanti temi toccati da Maria Montessori restano ancora attuali, questa visione avanguardista dimostra un'apertura all'infanzia a 360 gradi e la diffusione di un messaggio potente e universale da far circolare. 
Dovremmo fare tesoro di tutti i suoi preziosi insegnamenti che uniscono scienza e fede.

Valeria Rossini è professoressa associata di pedagogia generale e sociale presso il dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia , Cominuciazione dell'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari. Si occupa di pedagogia dell'infanzia e di formazione dei docenti. 


Per acquistare il libro clicca qui 

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…