Passa ai contenuti principali

Trasmettere l'amore per la lettura con le storie di Roald Dahl

“Le vere streghe sembrano donne qualunque, vivono in case qualunque, indossano abiti qualunque e fanno mestieri qualunque. Per questo è così difficile scoprirle.”


Pensate di conoscerne qualcuna? 


Le Streghe Roal Dahl



📚LE STREGHE 

Roald Dahl - Quentin Blake

Salani Editore


Le Streghe di Roald Dahl, illustrato da Quentin Blake ed edito da Salani è un libro illuminante che narra la storia delle vere streghe, non quelle legate all’immaginario popolare che viaggiano sulla scopa con i capelli arruffati! 


Il protagonista di questa storia è un bambino di sette anni che si trova a passare le vacanze natalizie dalla nonna, purtroppo durate il viaggio dall'Inghilterra verso Oslo l'auto dei suoi genitori finisce fuori strada e lui rimane orfano. Sarà proprio la nonna, una vecchia signora originaria della Norvegia, ad accoglierlo e ad insegnargli tutto, ma proprio tutto sulle S T R E G H E .

Saperle riconoscere infatti è fondamentale per sfuggire alle loro grinfie, quello che possono fare è spaventoso. 


Possono ad esempio trasformare i bambini in topi e purtroppo nessuno conosce la formula per fare il contrario. Quindi, prestate la massima attenzione!


Roald Dahl ha un curriculum da far girare la testa, con i suoi racconti è riuscito a far innamorare della lettura intere generazioni. Le sue storie sono illustrate dall'artista inglese Quentin Blake. Se non avete letto questo capolavoro è ora di rimediare...


Da questo libro il film di Robert Zemeckis disponibile in digitale.


Dimenticavo!! La nuova edizione contiene due capitoli inediti, oro colato per gli appassionati! Inoltre, esiste anche il Graphic novel , lo trovate qui .


Lo trovi qui, puoi scegliere tra diversi formati, cartaceo, digitale e persino l'audiolibro.


Età di lettura: dagli 8 anni, si presta bene per la lettura condivisa.



#mammaleggiamoinsieme #salanieditore #roalddahl

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl