Passa ai contenuti principali

Adolescenti e letture: la guida per scegliere il libro giusto

Orientarsi nell’universo letterario dedicato agli adolescenti non è cosa da poco.


Individuare il titolo ideale, consente di far vivere al ragazzo un'esperienza di lettura estetica ma anche pedagogica.  Un'avventura a tutto tondo in grado di contribuire a costruire solidamente la sua identità di lettore.


Come scegliere il libro giusto?


Ecco che corre in aiuto la guida “ Leggere per leggere” di Salani Editore, fortemente voluta dallo stesso Luigi Spagnol,  un titolo scritto e pensato dall’Associazione Culturale Hamelin insieme alla psicoterapeuta Rachele Biondiesperta in libroterapia Archetipa. Una bussola per orientarsi in questo vasto oceano.




 "Tutto il materiale narrativo che incontriamo nella nostra vita diventa utile ai fini di raccontare la nostra storia personale." 


Leggere per leggere. La libertà di scegliere il libro che più ci somiglia

Hamelin - Bindi

Salani


- Sinossi


Una raccolta preziosissima dalla quale attingere che contiene ben 487 titoli tra romanzi, graphic novel e film, a partire da 64 testi divisi in sezioni tematiche, scelti dai più grandi esperti di letteratura per giovani adulti. L'adolescenza è un periodo molto delicato, anche quando si parla di libri. 

È questa infatti l'età 'a rischio' per smettere di leggere, se non si trovano letture coinvolgenti. Si diventa lettori solo così, se il libro riesce a colpire nel profondo. Un libro scoperto in adolescenza non si dimentica più: basta poco per ricordarsi di quanto deflagrante, e forse addirittura fondativa per la propria identità, sia stata una certa lettura fatta a quell'età. Perché le finzioni sono vere, e per questo possono accompagnare chi legge in zone ben nascoste nelle proprie profondità, soprattutto in quel momento della vita in cui si è aperti quanto mai alla loro forza. 

In questo volume Hamelin, che da oltre vent'anni porta romanzi e fumetti a ragazze e ragazzi di tutta Italia, e Rachele Bindi, psicoterapeuta esperta in libroterapia, selezionano e raccontano i migliori titoli della narrativa specificamente rivolta alla fascia 'giovani adulti', cercando di metterne in luce i caratteri principali, le forme e i simboli, giocando con le figure archetipiche del viaggio dell'Eroe.  


Dentro al Libro


Quella adolescenziale è una fase rivoluzionaria anche quando si parla di libri. 


I momenti dedicati al leggere vengono spesso ridotti a pochi attimi, talvolta ben lontani dall'idea di "Leggere per leggere", più accostabili alla ricerca di una comfort zone in cui sentirsi a proprio agio.


La letture dedicate all'"Età di mezzo" non dovrebbe far uscire il lettore dalle sue certezze e se necessario metterlo in pericolo ? 


Secondo gli esperti di Hamelin : "Il rischio è che l'esperienza di lettura perda la sua natura estetica e distolga l'attenzione da quello che dovrebbe essere il compito del lettore e della lettrice: stare nello "spazio dell'opera", abitarlo, vedere l'intelaiatura di parole, idee, personaggi, fatti che ne costruiscono la sua trama..."


Ecco che sorge l'esigenza di ottimizzare le letture pensate per questa fascia d'età, scegliendole con sapienza affinché indirizzino il giovane a ricercare un senso nell'atto stesso del leggere, restituendogli l'idea di bellezza dell'abitare la storia, di smarrimento benefico.


Una bussola per orientarsi


"..è un tentativo di mettere insieme gioielli, gli imperdibili, quelli che sarebbe bello trovare in ogni scaffale per giovani."


Per una volta lasciamo da parte tutte le meraviglie della letteratura tout court , dai grandi classici ai contemporanei più noti e cerchiamo di fare ordine nelle uscite più recenti, alleniamoci a scovare storie in grado di toccare corde profonde.


La psicologa e psicoterapeuta Rachele Bindi suggerisce all'adulto di costruire una sorta di bussola per orientarsi nella scelta dei testi. Alla base di questa idea c'è il pensiero che ogni individuo, si confronti con gli Eroi delle storie che legge. Il Viaggio dell'Eroe è la ricerca di se stessi.  Un dialogo diretto con la psiche.

 

E ora non vedo l'ora di consultare tutte le schede fornite da questi esperti con la "S" maiuscola e poter scegliere il libro da proporre al mio quindicenne !


Prometto che condividerò presto la nostra esperienza.


Ricerca questo titolo nel circuito delle librerie indipendenti. Se sei interessato all'acquisto del libro su Amazon? Lo trovi qui

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli. memeandsaysay Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli c