Passa ai contenuti principali

GIANNI RODARI: SESSANT'ANNI DI FAVOLE AL TELEFONO

Favole-al-telefono-di-Gianni -Rodari-Valerio-Vidali

I libri di Gianni Rodari non smettono di sorprenderci, nemmeno dopo sessant’anni.

È cosi che Favole al telefono, uscito per la prima volta nel 1962, torna in una veste scoppiettante illustrata da Valerio Vidali.


La stessa edizione, approdata negli Stati Uniti nell’anno del centenario dell'autore, è stata premiata con il The Batchelder Award.


Cosa troviamo nella nuova edizione di Favole al telefono?


70 storie brevi tra le più amate dai bambini, accompagnate dalle favolose tavole di Valerio Vidali.  


Ecco che le straconosciute narrazioni, che qualcuno di noi recita a memoria, vanno a braccetto con illustrazioni decise e vivaci. 



Il grande Bruno Munari illustrò la prima edizione italiana.



Favole al telefono Gianni Rodari
La vecchia zia Ada, Favole al Telefono


Non aspettatevi una lettura banale, ogni giro pagina è una vera sorpresa. Ci sono storie apribili, che si spiegano svelandoci la ricca trama di questo volume, altre contengono pagine arricchite da messaggi disseminati qua e là, pronti a lasciarci senza fiato. 



Favole-al-telefono-di-Gianni -Rodari-Valerio-Vidali
Il Re Mida, Favole al Telefono



Questo libro è la fiera dello straordinario, apre scenari che scuotono il lettore e lo trascinano in un vortice capace di mostrarci quanto è ancora attuale il pensiero dell'amato Rodari.



Favole-al-telefono-di-Gianni -Rodari-Valerio-Vidali
La coperta del soldato, Favole al telefono

La trama

C’era una volta il ragionier Bianchi, di Varese. Un rappresentante di commercio che sei giorni su sette girava l’Italia intera, vendendo medicinali.

Ogni sera, per non far sentire la sua mancanza alla famiglia, dovunque si trovasse, chiamava Varese e raccontava una storia alla sua bambina. Storie corte si intende, perché il ragioniere pagava il telefono di tasca sua. 


Narrazionitratti stravaganti in grado di trasportare i lettori in luoghi inimmaginabili, dove i topi mangiano i gatti, l'aritmetica si impara a cucchiaiate, le strade sono fatto di cioccolato, ma soprattutto si parla il linguaggio dei bambini.


E ora non vi resta che procurarvi una copia , leggerla e rileggerla all'infinito !


Per acquistarlo clicca qui



Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl