Passa ai contenuti principali

INCONTRARSI...A RITROVAR LE STORIE

" Il mio maestro un giorno ci fece una sorpresa, aprì un libro e ci lesse una storia.
Me la ricordo ancora la sua voce; le parole scivolavano dentro le orecchie come farfalle. "

Questa bellissima frase è tratta dal meraviglioso albo che ho il piacere di presentarvi oggi...


A RITROVAR LE STORIE

di Annamaria Gozzi, Monica Morini e Daniela Iride Murgia
Edizioni Corsare
2014

" Tanto tempo fa, quando i pesci volavano e le rape crescevano sugli alberi,
le storie se ne andavano a spasso portate dal vento....
Poi, chissà quando, le parole cominciarono a sbiadire... "

E' così che un intero paese perde le parole, o meglio, il significato di esse.

Poi un bel giorno, con discrezione, tra le vie del borgo appare un Saltimbanco accompagnato da un' Oca.


Queste figure simboliche si aggirano per il paese di Tarot e hanno il compito di riaccendere i ricordi dimenticati.
Al loro passaggio canticchiano:

" Conta che ti conto
la vita si racconta
tiritiritera
questa è una storia quasi vera "



Man mano che i giorni passano, il Saltimbanco e l'Oca, accompagnano gli abitanti del paese in un viaggio che pone l'accento sulle reminescenze e che permette a ciascuno di ricordare.
Via via le parole si infilano nella memoria, vengono raccontate ad alta voce e si rimpossessano del loro significato.


Ogni frase di questo albo sembra uscita da un libro d'altri tempi.
Le immagini colpiscono chi le osserva perchè hanno un tono sbiadito dal sapore retrò.
Sembra un libro scovato da un vecchio baule, un oggetto prezioso appartenuto a chissà chi e proveniente da chissà dove.
Le autrici, hanno sapientemente unito le loro storie, i loro bagagli esperienziali per dare vita a qualcosa di unico.

Una volta terminata la lettura è possibile dilettarsi con un gioco da salotto dai toni confidenziali.
Ogni partecipante deve munirsi di un segnalino a piacere (un bottone, un sasso, un seme..).
A turno si lancia un dado e ogni casella chiama un racconto suggerito da alcune domande.
Chi non racconta resta fermo !!!
Che sia l'occasione per scoprire qualcosa di singolare di chi vive accanto a Voi.


Il gioco dell'Oca di Tarot


Commenti

  1. Che belle immagini! Viene proprio voglia di leggerlo!

    RispondiElimina
  2. Grazie per questa segnalazione, lo regalerò alla mia nipotina di 7 anni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl