Passa ai contenuti principali

Una storia per bambini sulla diversità ( Kahrù )

L'inverno si avvicina e la storia del timido orso Kahrù è ideale per calarsi in un clima che sa di neve.

Paolo Ligabue e Matteo Pagani ci raccontano una vicenda molto tenera e lo fanno con sapienza e sensibilità, il primo con le parole, il secondo con un'illustazione dai toni innovativi.


mamma leggiamo insieme


Il narratore di questi versi è Scotty, un vispo scoiattolino color nocciola che decide di raccontare l'appassionante storia dell'orso Kahrù.


mamma leggiamo insieme


Il malinconico protagonista fa parte di un branco di orsi dal folto pelo color cioccolato, lui invece è diverso, il suo manto è infatti candido come lo zucchero e questo gli procura un profondo tormento e lo vede costretto a trascorrere gran parte del suo tempo nascosto nella tana.

E' proprio nei momenti di sconforto che un buon amico può sostenerci, è così che Scotty, accompagna Kahrù alla ricerca di sé e mostra ai compagni del branco il valore della diversità.
Questa storia manifesta come il coraggio e l'amicizia possono cambiare le cose!


mamma leggiamo insieme

Il viaggio non è affatto semplice, ma è proprio passando attraverso le sofferenze che può apparire chiara la propria immagine.
L'orso abbandona la voglia di omologazione e quando lascia emergere le sue qualità, viene finalmente visto per quello che è. 


mamma leggiamo insieme

Il desiderio di accettazione ci accompagna fin dalla nascita, ma l'unicità è la ricchezza più preziosa che abbiamo.

 " L'ESEMPIO DI UNO PUò FAR APRIRE OCCHI E CUORE A TANTI ALTRI ".

Le illustrazioni, dallo stile innovativo, rendono questo albo ancora più prezioso.


Kahrù
Paolo Ligabue e Matteo Pagani
Valentina Edizioni
ottobre 2014
età consigliata: dai 3 anni


 

 Se ti è piaciuto lo stile di Paolo Ligabue e Matteo Pagani vedi la recensione di "Beniamino e l'orologio magico"

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl