Passa ai contenuti principali

COMPITI SCOLASTICI.. E' GIUSTO DARLI E FARLI?

Ci sono quelle giornate in cui la voglia di aprire il diario è assai lontana.
Voi cosa ne pensate?
Fate parte di quella schiera di genitori che amano il dovere quotidiano (quello che viene assegnato non è mai abbastanza) o ritenete che l'esercizio a casa sia pressoché inutile (non esiste niente di meglio che un allenamento all'aria aperta) ?!?
Quello che ci propongono Davide Calì e Benjamin Chaud non sono strategie per convincere i vostri fanciulli a fare l'assegnato dovere giornaliero ma bensì scuse soddisfacenti ( ma anche no ) da propinare alle esigenti maestre .
Non siete convinti?
Preparatevi a sfogliare le pagine della pubblicazione Rizzoli:
NON HO FATTO I COMPITI PERCHE'.
In questo libro esilarante, troverete un alternarsi di situazioni che vi faranno sbellicare dalle risate.



Ma cos'è che può allontanare dai libri?
Una medicina per la tosse dalle strane controindicazioni?
Una fredda giornata che vede costretta una famiglia ad utilizzare i quaderni come combustibile ?
L'inaspettato funerale del gatto di famiglia (che non è nemmeno morto)?
Secondo voi le scuse proposte la daranno a bere a chi di dovere?!

I compiti non devono essere visti solo come qualcosa di noioso, aiutano a consolidare quanto appreso in classe e sono fondamentali per l'acquisizione di un buon metodo di studio, quindi perché non sdrammatizzare almeno per una volta sull'argomento e poter sognare ad occhi aperti ipotetiche e bizzarre scuse?!

Come poter esimersi a non continuare quanto proposto dall'autore, inventando nuove divertenti e fantastiche giustificazioni insieme ai propri figli?!!
Cosa che abbiamo fatto puntualmente dopo aver letto il libro, insieme a mio figlio di 9 anni... e indovinate chi è riuscito ad inventare scuse migliori???  

Un plauso a Benjamin Chaud per l'accuratezza nel rappresentare le situazioni paradossali del grande artista Davide Calì .

Una nota in più: con i più piccoli può essere carino prendere come personaggio di riferimento "il cane" e seguirlo in ogni tavola. 

Età di lettura: 7-10 anni e adulti cresciuti
anno di pubblicazione: Gennaio 2014
Titolo originale: "I DIDN'T DO MY HOMEWORK BECAUSE..." Chronicle Books

Della stessa collana: " SONO ARRIVATO TARDI PERCHÉ... " (da non sottovalutare)!!


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl