Passa ai contenuti principali

QUANDO SIETE FELICI, FATECI CASO (KURT VONNEGUT)

MINIMUM FAX


Che siate alunni, genitori, insegnanti, operatori scolastici, etc.,...
voglio augurarvi un anno scolastico positivo e pieno di soddisfazioni.
Ho deciso di farlo con una frase di Kurt Vonnegut (1922-2007), uno degli oratori più richiesti d'America per i discorsi accademici agli studenti.
Adoro il rivoluzionario modo di pensare di questo maestro geniale e irriverente della letteratura del Novecento. 
Vonnegut amava la lettura, pensate che mentre forme di meditazione orientale diventavano di moda, lui sosteneva che in Occidente seguiamo un metodo tutto nostro per raggiungere la quiete mentale: si chiama "Leggere racconti". Pratica che poi definì "pisolini buddisti". 
Chi segue il blog può di certo confermare questa teoria !!!

Vi lascio ora alla citazione di cui vi parlavo:

Quanti di voi hanno avuto un insegnante, in qualunque grado di istruzione, che vi ha resi più entusiasti di essere al mondo, più fieri di essere al mondo, di quanto credevate possibile fino a quel momento?
Alzate le mani, per favore.
Adesso abbassatele e dite il nome di quell'insegnante a un vostro vicino, e spiegategli che cosa ha fatto per voi.
Ci siamo?
Cosa c'è di più bello di questo?*

E con queste meravigliose parole vi ricordo di affidarvi con fiducia alla scuola, cercate di vincere le vostre resistenze, non ve ne pentirete.

Carlotta


*citazione tratta dal libro "QUANDO SIETE FELICI, FATECI CASO" di Kurt Vonnegut, Minimum fax, 2014.

Commenti

  1. Che gioia imbattermi in questo blog!
    Citazione fantastica! Ho letto che insegni alla primaria, io invece all'infanzia :-)

    A presto!
    Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona,
      piacere di conoscerti e che bello sentire il tuo entusiasmo ;-)
      Adoro la scuola dell'infanzia, l'età della spensieratezza..
      io invece sono alla Primaria e stravedo per i piccoli e grandi lettori.
      Anche tu hai un blog? lasciami i contatti che corro a dare una sbirciatina.
      a presto!
      Carlotta

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl