Passa ai contenuti principali

LETTURE PER BAMBINI AL SAN LOCCA DAY 2015 ( BOLOGNA )

Domenica 4 Ottobre, a Bologna, si terrà il SAN LOCCA DAY 2015, evento creato dall'Associazione Succede solo a Bologna per far riscoprire il portico del meraviglioso Santuario di San Luca.
Dalle 9 alle 20, lungo il percorso che porta dal Meloncello alla Basilica, saranno posizionati 200 stand e attività di ogni tipo per rendere più entusiasmante la salita!
Ogni anno, l'Associazione promotrice dell'evento, seleziona un tema di tutela del territorio a cui dedicare la raccolta fondi, quest'anno il ricavato sarà devoluto al restauro del Nettuno.

Noi di “Mamma LeggiAmo insieme” possiamo mancare?
La risposta è..NO!
I collaborazione con lo staff di Dire Fare Aggregare e della Casa Editrice Orecchio Acerbo Editore, saremo presenti per offrirvi una dolcissima lettura e un incantevole laboratorio.


Vi siete segnati la data?
DOMENICA 4 OTTOBRE ALLE ORE 15
presso la KIDS AREA
lettura del libro:

IL LEONE E L'UCCELLINO scritta da Marianne Dubuc
accompagnata dal suono strumentale di Fabio Galliani



A seguire laboratorio calcografico ispirato alla storia a cura di Annalicia Caruso del Laboratorio Artistico di Incisione calcografica di Bologna (guarda il video).

Vi racconto un po' la storia...


Questo libro abbraccia il tempo ciclico e lento delle stagioni.
E' Autunno, periodo di migrazioni. Da uno stormo si stacca un uccellino che cade al suolo. La sua ala è spezzata. Premurosamente, e con delicatezza, un leone lo soccorre e si prende cura di lui. Un leone? Il Re della foresta? Ma come è possibile che chi è feroce di natura possa avere dentro di sé un cuore tanto generoso?
Curiosi...
Vi aspettiamo al San Locca Day per scoprire insieme l'inizio di una grande amicizia.



Ci vediamo a Bologna!



Tags: Bologna, San Locca Day 2015, Orecchio Acerbo Editore, Dire Fare Aggregare

Commenti

  1. Bellissimo, se a casa tutto fila liscio ci sarò senz'altro
    .L'anno scorso è stata una manifestazione bellissima :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna Maria!! Quando ho scritto questo post ho proprio pensato a te..spero proprio di vederti a Bologna. Mi raccomando fatti riconoscere, ci tengo ;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…