Passa ai contenuti principali

INSERIMENTO ALLA SCUOLA MATERNA? ECCO IL LIBRO GIUSTO

Qualche giorno fa ho avuto il piacere di sfogliare e leggere ad alta voce una delle ultime creazioni di Isabella Paglia, scrittrice che stimo molto.
Il libro in questione è edito da Edizioni Arka e si intitola “Quando arriva la mia mamma?”.
Questo albo lo consiglio a tutte quelle mamme che quotidianamente si trovano a dover affrontare il distacco dei propri piccoli alla scuola dell'Infanzia.

scuola infanzia  Mamma leggiamo insieme

Ma che cos'è il tempo per un bambino piccolo?
Che cosa sono per lui un momento, un minuto, un secondo, un battito di ciglia?

Il tempo per i più piccoli è qualcosa di indefinito che scorre velocemente quando sono tra le mura domestiche o quando è scandito da routine rassicuranti.
Ma fuori casa? 

mamma leggiamo insieme scuola dell'infanzia


La risposta a questo quesito la possiamo trovare leggendo il dolcissimo libro "Quando arriva la mia mamma?".
Come è risaputo, i libri possono correre in aiuto quando ci troviamo di fronte a bambini che devono elaborare le emozioni legate alle tappe di crescita.

Attraverso la storia di Nico tutto appare più chiaro.
Una sveglia che suona alle 7:00 in punto, la mamma che prepara i vestiti e poi tutti in cucina per fare colazione...il tempo scorre inesorabile ed è già ora di andare a scuola!
Nico è triste, vorrebbe rimanere con la sua mamma, tenta di abbracciarla come una scimmia si attacca all'albero..poi si convince. 
La mamma lo saluta e corre al lavoro. 
Improvvisamente ogni certezza crolla, il tempo alla scuola materna si dilata, non è reale e necessita di punti fermi.
Sarà la maestra, con la sua sapienza, a proporre tantissime attività divertenti e a far scoprire a Nico che la scuola non è poi così noiosa!
E dopo tante attività ..l'abbraccio della mamma farà passare ogni pensiero.

mamma leggiamo insieme scuola materna

Trovo che le immagini a tutta pagina dai colori caldi e rassicuranti siano una scelta vincente.
Molto carina l'idea dell'illustratrice, Chiara Gobbo, di inserire sveglie e orologi in quasi tutte le pagine, il tempo scorre e anche i bambini possono familiarizzare con le lancette che avanzano.

Dimenticavo...il formato lo rende adatto ad essere infilato nello zainetto!!  ;-)

Edizioni Arka, milano 2016
Collana Le Perline
Età di lettura: da 4 anni
Scopri il sito dell'autrice cliccando qui

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl