Passa ai contenuti principali

LIBRI ESTIVI PER BAMBINI PICCOLI

Adoro l'estate, è una stagione spensierata, frivola e giocosa.
Le letture che l'accompagnano dovrebbero essere leggere e fresche.
E' la stagione giusta per fare amicizia con il piccolo Ciacio.


CIACIO e il mare
di Sarah Khoury
Lavieri edizioni

mamma leggiamo insieme libri per bambini

Chi è Ciacio?
Ciacio è un incrocio tra un orso e un coniglio, il suo manto ha il colore del caramello e le sue orecchie sono lunghe lunghe.
Il suo animo è quello di un grande esploratore.
Le giornate di questo personaggio non sono mai banali perché lui è costantemente alla ricerca di scoperte strabilianti.

mamma leggiamo insieme libri per bambini

Sfogliando 'Ciacio e il mare' è possibile sbirciare tra le meraviglie dei fondali marini.
Il protagonista indossa una piccola mascherina rossa e si tuffa nelle onde del mare, durante la sua nuotata incontra creature curiose. 
Trovo che questo libro sia adatto ai più piccoli, che amano sorprendersi proprio come il buffo orso-coniglio.

mamma leggiamo insieme libri per bambini

Il formato di questo albo è davvero molto carino, pensate che la prima volta che l'ho preso in mano mi è sembrato di sfogliare un quaderno di scuola, uno di quelli piccoli.
La stampa su carta ruvida conferisce una certa profondità alle pagine, dando vita ai disegni.
La storia è semplice e supportata da illustrazioni di grande effetto.
La scelta di ridurre al minimo la parte scritta, consente alle mamme e ai bambini più fantasiosi di arricchirla con tantissimi particolari personalizzati.

L'autrice Sarah Khoury ha creato un sito dove potete aggiornarvi su tutte le avventure di questo buffo personaggio (clicca qui). 
Sbirciando nel web ho visto che ha anche un negozio su Etsy dove vende le sue illustrazioni per grandi e piccini (visita lo shop).


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl