Passa ai contenuti principali

QUANDO NASCE UN FRATELLINO. LIBRI PER QUANDO ARRIVA IL SECONDOGENITO

Secondo voi è facile essere catapultati nel ruolo di fratelli maggiori?
Io penso sia una dinamica complessa, lo dico dal punto di vista di sorella minore ;-) 

Siete in procinto di allargare la famiglia?
Non dimenticatevi che il nuovo bambino richiederà inevitabilmente tanto tempo ed energia emotiva.
Berry Brazelton, uno dei più noti pediatri al mondo, sostiene che la maggior parte dei genitori, senza nemmeno accorgersene, si ritrova a spingere i figli "grandi" a crescere rapidamente per poter far fronte con più spensieratezza all'arrivo del nuovo bambino.
Ad aiutarvi nel compito dell'attesa, vi propongo un libro che con i giusti toni, affronta un tema per nulla facile per i più piccolini.

Il meraviglioso libro "FRA LE MIE BRACCIA", edito dalla Casa editrice Babalibri e scritto da Emile Jadoul, un autore che più di una volta ha colpito il mio cuore letterario.

mamma leggiamo insieme


Dopo l'ansia dell'attesa, finalmente è arrivato Mattia, il fratellino di Leone. 
Ma dove metterlo ora che è stato catapultato nella famiglia Pinguini?!?!
Certamente non può stare nella stanza del fratello maggiore!


mamma leggiamo insieme


Nemmeno le braccia coccolose della mamma sono adatte per avvolgerlo...sono riservate a Leone!

Sulle spalle del papà?
Assolutamente vietato..un bebè è davvero troppo minuscolo per poter stare in equilibrio a d una certa altezza!


mamma leggiamo insieme


Fortunatamente, quando ormai sembra troppo tardi per decidere dove “collocare” il nuovo arrivato, ecco che Leone ha un colpo di genio..

Un albo in cui la narrazione è affidata sia alla sensibilità delle parole, che alle immagini che sussurrano una delicatezza che riporta ad un ambiente ovattato. 

Sfogliando le pagine emergono tutte le preoccupazioni di un fratello o sorella maggiore, abituato a non dividere l'amore di mamma e papà con nessuno.
"Fra le mie braccia" rivaluta la rivalità tra fratelli e sancisce la nascita di una nuova famiglia.


A casa mia è piaciuto a tutti..ora non vi resta che scoprirlo insieme ai vostri piccoli ;-)




Dello stesso autore: leggi la recensione di papà isola

Tags: primogenito, secondogenito, fratelli maggiori, Babalibri

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl