Passa ai contenuti principali

UN LIBRO PER SUPERARE LA RABBIA INFANTILE

Quante volte avete visto un bambino in preda ad emozioni difficili da gestire?

Pensate alla rabbia, sentimento presente "nella pancia"  dei bambini, insieme alla gioia e al dolore è tra le emozioni più precoci.

Personalmente credo che sia fondamentale insegnare ai bambini a gestire la propria rabbia, senza reprimerla, per aiutarli a viverla come un sentimento naturale.

Isabella Paglia, scrittrice che adoro, ce ne parla nel suo libro:


CHE RABBIA,NINO!
Isabella Paglia
Mondadori

MAMMA LEGGIAMO INSIEME ISABELLA PAGLIA

Nino è un piccolo rinoceronte che si arrabbia di sovente e ogni volta che gli capita è come se nella sua pancia ci fosse un enorme vulcano pronto ad esplodere!
Il protagonista deve convivere con una rabbia che sopraggiunge all'improvviso e spesso risulta incontrollabile
Povero Nino, l''agitazione che prova dentro di sé non ne vuole sapere di spegnersi ed è pronta a rovinare persino il suo compleanno.

La casa è addobbata a festa, la mamma ha decorato una meravigliosa torta e gli animali della foresta suonano alla porta carichi di regali, sono venuti a festeggiarlo.

Nino riuscirà a controllarsi?

Purtroppo no....ma fortunatamente saranno proprio i suoi amici a indicargli qualche piccolo trucchetto per tenere a bada il vulcano esplosivo.



MAMMA LEGGIAMO INSIEME ISABELLA PAGLIAMAMMA LEGGIAMO INSIEME ISABELLA PAGLIA


Una storia brillante e briosa che può risultare d'aiuto in tutte quelle situazioni difficili da affrontare e superare, come i bronci prolungati, gli scatti, la rabbia in generale. 
Ogni bambino si immedesimerà facilmente nel personaggio e attraverso la storia riuscirà a riconoscere e dare un nome alle proprie emozioni e a trasformarle in modo positivo!

Le illustrazioni di Marco Viale sono piacevoli e coloratissime, i vostri cuccioli le apprezzeranno.

Il libro è consigliato dai 3 anni in su ma è adattissimo anche per i bambini che si avvicinano alla lettura perchè è scritto in stampato maiuscolo.


Una lettura da mettere sotto l'albero 🎄 ;-)






Commenti

  1. Che bello Carlotta! Leo al momento è nella fase dei NO, della ribellione, delle incazzature totali per motivi inesistenti... mi sa che questo libro finisce sotto l'albero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina! Se a casa state attraversando la fase dei "NO" questo libro fa per voi.. ;-)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl