Passa ai contenuti principali

CARNEVALE: LETTURE FESTOSE E MASCHERE DI CARTA PER BAMBINI

Carnevale si avvicina. 
Sbirciando tra i comunicati stampa ho trovato un libro-gioco dedicato a chi ama travestirsi a dovere.

Tra le pagine di questo libro scritto e illustrato da 
Laurent Moreau, giovanissimo illustratore di grande talento, possiamo trovare nove maschere, già ritagliate. Basta indossarle, e si diventa protagonisti della storia. 


NELLA FORESTA DELLE MASCHERE

Laurent Moreau
Orecchio Acerbo Editore


mamma leggiamo insieme



"Un cacciatore arriva nella foresta folta e nera.


Attenzione attenzione!
Chi catturerà? Tirate fuori le vostre maschere e correte a nascondervi a tutta velocità."


Baldanzoso e pieno di sé, il cacciatore è entrato nella foresta.
Immediato il tam tam tra tutti gli animali

Ma chi sarà la preda?

Non certo la volpe e i suoi cuccioli; di sicuro li salverà la loro proverbiale astuzia. 
Della tigre nemmeno a parlarne; anche col fucile, con lei è meglio non averci a che fare.
Le scimmie allora? Troppo agili e furbe, saltano di ramo in ramo e si nascondono tra le foglie. 
Il coniglio, tremante come una foglia, o il maestoso capriolo reale? 
O forse il gufo? 
Ma ormai s’è fatto buio, e il cacciatore neppure l’ha visto. E per di più si è smarrito, non trova il sentiero. Meglio preoccuparsi per la notte, anche perché tra gli alberi s’intravede un oscuro gigante… 
Finalmente i primi raggi del sole e con loro anche il folletto della foresta che fa scappare il cacciatore a gambe levate! 

mamma leggiamo insieme

mamma leggiamo insieme


clicca qui per visitare il sito dell'autore 


Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl