Passa ai contenuti principali

MINI ORTO: COME COLTIVARE FAGIOLI CON I BAMBINI

La primavera è alle porte, per spezzare la monotonia di queste ultime giornate invernali vi consiglio di iniziare a pensare a un mini orto da realizzare con i vostri bambini. Per passare un pomeriggio speciale vi serviranno una manciata di fagioli e un libro, vi permetteranno di aprire la strada all'immaginazione.
TEODORO COLTIVA I FAGIOLI
Lars Klinting
Editoriale Scienza


mamma leggiamo insieme
Il mio fagiolo magico ( 20 giorni dopo la semina)

Teodoro è alla ricerca di una nuova piantina per il davanzale, la sua purtroppo è appassita. 
Meglio fiori azzurri o petali bianchi? L’idea giusta arriva per caso dal suo amico Ciccio: è appena stato a fare la spesa e ha comprato un sacchetto di fagioli bianchi. Ecco cosa coltiveranno assieme! 
Alla sera, il castoro mette i fagioli nell'acqua, crescono più in fretta se stanno a bagno una notte, glielo ha detto lo zio Sansone che fa il giardiniere. 
Nel capanno degli attrezzi trovano tutto quello che gli serve: vasi, terra, paletta, annaffiatoio e il manuale di giardinaggio dello zio, dove c'è scritto tutto su come farli crescere. 
La pazienza è indispensabile per far sbocciare i primi germogli! 
Così le piantine pian piano crescono, spuntano dei bei fiori e poi anche i fagioli: quelli più grandi sono pronti per essere raccolti e diventare una deliziosa pietanza.
Da una manciata di fagioli (anche quelli contenuti nelle zuppe) si possano ottenere finestre fiorite e deliziosi pranzetti!
mamma leggiamo insieme


mini orto con bambini

FAGIOLI:
Coltivazione e cura: Germinazione 10 - 20 giorni.
Altezza di crescita ca. 50 - 60 cm.

SEMINA:
-Metti un po' di terra in un vaso e pianta alcuni fagioli messi precedentemente in ammollo (meglio se per una notte intera).
-Posiziona il vaso in un luogo luminoso e non troppo freddo. Bagna la terra ogni tanto.
-Attendi con pazienza la nascita della tua piantina 💚


RICETTE
Sul sito di Cristina Good Food Lab trovate una fantastica ricetta per realizzare blondies ai lamponi con ingrediente segreto (clicca qui), mentre sui profili Ig di Stella Bellomo e Martina di Una fiaba in cucina troverete delle deliziose ricette come ad esempio i Veg Burger di fagioli e spezie. Sul sito della Mini Factory tanti spunti per giocare con i fagioli (clicca qui).

Età consigliata: dai 3 anni

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl