Passa ai contenuti principali

MINIORTO: PICCOLE STRATEGIE PER ATTIRARE E TUTELARE LE API

La primavera è finalmente sbocciata e con lei sono tornati a farci compagnia tanti, tantissimi insetti. Uno in particolare mi ha sempre attirato, per il suo fare operoso e l'incantevole organizzazione: l’ape
Negli ultimi anni si è parlato di un vero e proprio allarme per tutelare le piccole api che rischiano la loro preziosa vita a causa dell’inquinamento e dei repentini cambiamenti climatici. 
Ma perché non facciamo un passo indietro e scegliamo di approcciarci ad uno stile di vita che ci metta in ascolto della natura. Sembra paradossale ma a scuola mi capita spesso di dover insegnare ai bambini la classificazione delle api che vengono erroneamente confuse con le nemiche vespe. 

Quali azioni possiamo fare per salvare le api?
Per tutelare le amiche Apine, possiamo educare i nostri bambini all’importanza di divenire cittadini consapevoli e rispettosi; partendo perché no dalla lettura di un libro divertente che veda l’ape come protagonista e seminando o piantando fiori amici delle api, nei nostri giardini o sul balcone.

La mia proposta…

blog libri per bambini libri sulle api
LA VITA DELL’APETTA LINDA
Iolanda Monacelli e Liliane Laemmle
Il ciliegio Edizioni

Linda è un’apetta curiosa che vuole conoscere il mondo, viaggia tra il Brasile e l’Italia scoprendo le magie della natura. Attraverso la sua storia ci spiega come volare con la fantasia contro il pregiudizio e l’indifferenza.
Una storia colorata e vivace raccontata in rima per sensibilizzare i bambini sull'importanza del conoscere le api del territorio, per imparare ad amarle e rispettarle. 

L'autrice è Liliane Laemmle , laureata in disegno, ama da sempre realizzare illustrazioni, definisce l'ape un insetto persistente, paziente e molto speciale.

L'illustratrice è Iolanda Monacelli, diplomata in grafica pubblicitaria e fotografia, lavora come grafica freelance.



In allegato trovate il lunario di Aprile per le vostre semine e tante bellissime Etichette per il vostro Mini Orto







scarica il lunario qui
scarica le etichette qui


Scoprite i progetti delle mie amiche di Orto:
Camilla
Cristiana
Martina
Stella


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl