Passa ai contenuti principali

IL GIARDINO DEI SOGNI: UN SILENT BOOK PER SOGNARE

Quando si parla di giardini non occorrono parole, le immagini possono rappresentare splendidamente quello che abbiamo nel cuore. 
Ci è riuscito egregiamente Maike Neuendorff, nel suo primo albo illustrato , edito da Carthusia, finalista al prestigioso premio "Silent Book Contest", concorso internazionale dedicato al libro silenzioso.

libri- per- bambini- senza /parole/ Silent/ book
Maike Neuendorff

Una sera, il letto di due fratellini si trasforma in una coperta calda e avvolgente, un prato erboso dominato da un albero secolare che affonda le radici profonde nella Madre Terra.
I due fratelli si lasciano guidare dal sogno che prende forma e accompagnati dal felino di casa si ritrovano in un giardino che li accoglie facendoli sentire parte integrante di un mondo armonioso.


libri- per- bambini- senza /parole/ Silent/ book


Il giardino ideale prende forma nella mente, si fa largo nei sogni, quelli innocenti dei bambini, dove non esistono pericoli ma solo cose mirabolanti.

Maike Neuendorff, architetto paesaggista, ha ben in mente quello che la natura può offrire e con grazia ci porta a riscoprire tavole dai mille colori che si trasformano in un viaggio onirico magico e coinvolgente.

Il giardino segreto è un luogo dove ogni piccolo elemento vive all'unisono e la natura cresce rigogliosa e incontaminata. Forte è il richiamo se si è ricettivi all'ascolto.

libri- per- bambini- senza /parole/ Silent/ book


Prestate attenzione alle immagini, apprezzate il silenzio democratico, trovate le vostre parole, uniche e profonde. Sfogliando questo piccolo gioiello scoprirete che il verde ha infinite sfumature, che i frutti maturi possono essere allegri come una sagra di paese e che quando si parla di natura non occorrono geometrie, la perfezione viene da sé. 🌾🌿

Sei interessato all'acquisto? Lo trovi qui 

*Il Giardino dei sogni ha partecipato al concorso internazionale dedicato ai libro senza parole promosso dal Comune di Mulazzo, L'Associazione Montereggio Paese dei Librai, Carthusia Edizioni, IOB International Organisation of Book Towns, IBBY Italia, Bologna Children's Book Fair e il Salone Internazionale del Libro di Torino.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stag

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli. memeandsaysay Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli c