Passa ai contenuti principali

LIBRI PER BAMBINI 0-3 ANNI: 4 BOARD BOOK FIRMATI DA HELEN OXENBURY


Oggi parliamo di storie dedicate ai pre-lettori, pensate per quei bambini che hanno un’età compresa tra gli zero e i tre anni.


Come attirare l'attenzione dei piccoli lettori ?


I bambini che rientrano in questa fascia d’età sono osservatori curiosi e necessitano dei giusti stimoli per avere un imprinting positivo con la lettura e l'oggetto libro.


In quanto adulti, genitori o educatori, abbiamo il compito di scegliere letture adatte a stimolare le naturali capacità cognitive del bambino e allenarne il gusto estetico, sin dai primi giorni di vita.


Come orientarsi nel panorama editoriale?

📖Ho sfogliato per voi la nuova Collana “A bocca aperta” di Camelozampaquesta Mini serie è progettata per le esigenze dei bambini, sulla base delle più recenti ricerche in campo pedagogico.  Nasce con la consulenza scientifica di due tra i maggiori esperti di letteratura infantile in Italia: Silvia Blezza Picherle e Luca Ganzerla (Università degli Studi di Verona)




✏️I primi titoli sono firmati dall’inglese Helen Oxenbury, una delle più importanti autrici e illustratrici contemporaneamente per bambini; ricorderete senz’altro le sue tavole per il celebre titolo “A caccia dell’Orso” .


Helen Oxenbury è stata una pioniera nel mondo degli albi illustrati rivolti alla prima infanzia. È stata la prima a scegliere come personaggi solo bambini, rappresentati nella loro pienezza corporea ed emozionale. 

I quattro albi cartonati: “Mi vesto”, “Mi diverto”, “Al lavoro” e “Amici” sono esperienze di lettura che propongono attimi di vita in cui ogni bambino può facilmente identificarsi.

La morfologia delle immagini è chiara, ben definita e l’impaginazione è strutturata per consentire ai piccoli lettori di orientarsi e sviluppare il linguaggio e la competenza narrativa


Al centro della rappresentazione ci sono bambini (non animali umanizzati); le illustrazioni sono realistiche, leggibili anche da bambini molto piccoli; i protagonisti mostrati in contesti di azione quotidiani, facilmente riconoscibili in base alle prime esperienze dei piccoli lettori. 


Stare con gli animali è sempre un incontro speciale per un bambino. Abbracciare un coniglio, accoccolarsi con un gatto, osservare un uccellino, passeggiare con una gallina, dare da mangiare a un’anatra: Oxenbury li racconta attraverso un magico gioco di sguardi tra bambino, animale e lettore.

Amici Helen Oxenbury Camelozampa

Lo trovi qui

Giocare in libertà con oggetti semplici della vita quotidiana è un bisogno e una grande gioia per ogni bambino. Lo scatolone, le pentole, il carretto, la palla: tutto diventa stimolo per essere creativi e ispirare anche il piccolo lettore.




Lo trovi qui



AL LAVORO - HELEN OXENBURY

In queste pagine si trova la quotidianità di un bambino fatta di piccoli gesti e grandi scoperte. Mangiare, andare a passeggio, fare il bagno, prepararsi a dormire, tutto diventa momento di esplorazione e di grandi emozioni.


LIBRI 0/3 ANNI HELEN OXENBURY CAMELOZAMPA

Lo trovi qui



MI VESTO - HELEN OXENBURY

Un bambino con due occhi vivaci, che dialogano con il lettore, inizia la sua giornata affrontando la prima sfida: vestirsi. Un piccolo albo originale per la delicatezza dei tratti e la naturalezza del protagonista.


Libri per bambini Helen Oxenbury Camelozampa


Lo trovi qui 


Sono certa che questi titoli entreranno a far parte della quotidianità di molti e porteranno i vostri bambini a vivere esperienze di lettura sorprendenti. 



Piccola nota:


Se il bambino non mostra interesse...


Una iniziale passività non deve scoraggiare. Cercate di ricreare un momento "esclusivo" che faccia sentire il bambino a suo agio. Vedrete che la curiosità avrà la meglio e il rituale legato alla lettura entrerà a far parte della vostra quotidianità.


Un plauso a Camelozampa.  Non vedo l’ora di scoprire i prossimi titoli e autori selezionati. 


Buone letture!

Carlotta

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl