Passa ai contenuti principali

RABBIA NEI BAMBINI: COME RICONOSCERLA E IMPARARE AD ABBRACCIARLA


Che  R a b b i a !




Avete mai provato a chiedere ad un bambino di descrivere cosa prova quando è arrabbiato


Vi racconterà di sentire qualcosa che arriva da fuori, entra nella pancia, incendia il viso; potrà aggiungere anche altri particolari ma quasi sempre ve la descriverà come una presenza ingombrante che non gli appartiene, un nemico da scacciare. 




La mia selezione di libri che toccano questo argomento:



📚L’abbraccio magico di Fifi Kuo edito da Edizioni Clichy è un albo illustrato pensato per i piccolissimi. L’autrice, con una manciata di pastelli a cera e parole che esplodono in caratteri grandi e audaci, riesce a descrivere magistralmente un sentimento forte e potente. La famiglia dei draghetti è alle prese con una situazione “scottante”. La piccolina di casa ultimamente si sente così arrabbiata che spesso si infiamma. Fortuna ci sono gli abbracci di mamma e papà a riportare il battito alla giusta frequenza. Un libro utile per imparare a riconoscere e ad abbracciare questa emozione. Non da soli! 


Dai 3 anni.

Lo trovi qui




📚 Che rabbia è un grande classico di Mireille D’Allancé edito da Babalibri. Una storia efficace che cattura molto l’attenzione dei bambini. Roberto, il protagonista, rientra a casa dopo una bruttissima giornata. Risponde malamente al papà e si rifiuta di mangiare gli spinaci. La rabbia cresce dentro di lui e da costruttiva rischia di trasformarsi in distruttiva. E se la chiudesse in una scatola? 

NOTA* In questa storia è persino concesso definirla “stupida”. Che parolone ! (con questo sentimento è ammesso anche un linguaggio più colorito). 


Dai 5 anni.

Lo trovi qui





📚 Che rabbia! di Emanuelle Lepetit e Anne Hemstege edito da DeA Planeta Libri  è una storia che coinvolge il bambino nella narrazione. Il piccolo Malo è il protagonista di tre avventure che lo portano a sentire il suo cuore che fa “bum-bum", a stringere i pugni e sbuffare. Per ritrovare la pace ha bisogno dei suggerimenti contenuti nelle 8 carte da gioco fornite insieme alla storia. (vedi foto) 

Dai 6 anni. 


Buone letture e mi raccomando, attenti ai picchi di ormoni surrenalici !


Carlotta




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl