Passa ai contenuti principali

PRIME ESPERIENZE DI LETTURA: LIBRI AD ALTO CONTRASTO VISIVO

Oggi voglio portare l'attenzione su una domanda che mi fate spesso...

Quando posso iniziare a proporre libri al mio bambino?

Non c'è una risposta giusta o sbagliata, ci sono però studi e conoscenze che permettono di comprendere a quali stimoli è più sensibile un bambino di pochi giorni.

Dopo la nascita, il neonato percepisce vagamente il mondo che lo circonda, la sua vista infatti si sviluppa nei primi 8 mesi di vita. Forme e colori catturano il suo interesse, ma la messa a fuoco avviene in modo ottimale solo se l'oggetto si trova a una certa distanza da lui ( 30 centimetri ). 

Quali libri sottoporre alla sua attenzione?

Non pensate alla lettura tradizionale e cercate di immaginare qualcosa di intimamente connesso al bambino, che ne stimoli la curiosità in totale sicurezza.

Primi Librini libri da sfogliare e scoprire, con le mani e con la bocca. 




I BuBaLibrini di Silvia Renon

BuBalibrini è il nome della collana nata in casa BuBaBeBi, titoli per i piccolissimi, ideali da "somministrare" a partire dagli 0 mesi. I primi libri da avere, per avvicinarsi al fantastico mon
do della lettura. Ma quanto sono belli e morbidosi !

Il BuBalibrino dei contrasti geometrici è il primo modello ideato da Silvia Renon, un libro formato da una coppia di schede trasformabili, personalizzabili, affidabili e amiche dell'ambiente.

Le pagine contengono elementi geometrici in bianco e nero, con qualche contrasto in rilievo dal colore rosso.

Hanno un taglio centrale che permette di montarle/staccarle/strapazzarle in assoluta flessibilità.

La prima lettura può avvenire appoggiando le schede alle pareti della culla/lettino , successivamente, grazie alla fessura interna, sarà possibile montare il librino e renderlo indipendente.

Ad accompagnare la stimolazione per immagini, un piccolo sonaglietto che tintinna ad ogni movimento.

Una nota divertente?

Il packaging ricorda la confezione di un prodotto alimentare, vuole valorizzare il fatto che i bambini possano metterlo in bocca in totale tranquillità.




Contrasi geometrici

Il bambino, durante i primi mesi di vita, ha un apparato visivo in rapido sviluppo e si concentra soprattutto sulle figure ad alto contrasto. 

Le forme geometriche raggruppate in allineamenti circolari gli ricordano la forma del seno materno e lo attraggono particolarmente.

La scelta dei colori stimola il senso di profondità e la messa a fuoco, utili poi allo sviluppo della motricità fine e grossa.


Dimensioni e materiali utilizzati

I Bubalibrini hanno un formato di circa 16 x 17 ,  adatto alle mani piccine dei bimbi.

Sono interamente prodotti con materiale italiano certificato, riciclato e riciclabile, chimicamente conforme alle normative di sicurezza sui giocattoli (in particolare conforme alla norma en71-3).

Si tratta di libri morbidissimi dagli angoli stondati, adatti sia al contatto con la delicata pelle dei bambini che per essere messi in bocca.

Sono prodotti da un'azienda che segue una politica ambientale volta a garantire alti livelli di eco-efficenza e a minimizzare l'impatto del proprio ciclo produttivo sull'ambiente.

Manutenzione

Si lavano a mano o in lavatrice a 30 gradi, utilizzando un programma per i capi delicati.

A prova di bambini: test chimici e fisici

I BuBaLibrini hanno ottenuto la certificazione ecologica e tossicologica OEKO-TEX® Standard 100, il più diffuso sistema di controllo a livello mondiale per i tessili, garantisce la non presenza di sostanze nocive.

Questi libricini hanno superato anche test fisici, durante i quali sono stati tirati, tesi, strizzati e strappati senza produrre piccole parti pericolose.

Non li ho potuti testare personalmente perché non ho bimbi piccini, ma trovo siano una novità preziosissima, un buon modo per iniziare i più piccini all'oggetto LIBRO. Consigliati anche come regalo nascita !

Dove acquistarli?

È possibile acquistarli sul sito BuBaBeBi , prossimamente anche nel circuito delle librerie indipendenti.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl