Passa ai contenuti principali

WORDLAND: GUIDA CREATIVA PER UN PRIMO APPROCCIO ALLA SCRITTURA

 

Oggi vi porto in un bosco di parole, un luogo suggestivo nel quale allenare la vostra creatività.


Per iniziare il viaggio vi basterà sfogliare le pagine di questo prezioso Manuale pensato per futuri scrittori e lasciarvi guidare dalla fantasia. 






WORDLAND 
piccolo manuale per Futuri Scrittori

Alice Evangelista, Elena Prola - Letizia Iannacone

Leone Verde Edizioni


Il progetto


Il cammino di Wordland inizia lo scorso anno. La sua autrice, Alice Evangelista, una ragazzina di soli 11 anni ( si, avete letto bene ) scrive una storia che lascia senza fiato tutta la famiglia. Elena Prola, mamma di Alice, affida il testo “La ragazza dello specchio” all’abile illustratrice Letizia Iannaccone. Le parole si fondono con i disegni ad acquerello. Prende vita un bosco che incanta, un luogo nel quale rifugiarsi per dedicarsi alla narrazione. E’ questo il vero inizio della storia. E’ così che nasce Wordland.





Dalla storia alla campagna di crowfunding


Wordland Piccolo Manuale per Futuri Scrittori incontra il consenso dei lettori tramite una campagna di crowfunding, sono oltre 400 i sostenitori incantati dal diario di bordo Instagram dedicato all’iniziativa.

Il libro viene stampato con un’attenzione ai dettagli che lo rende davvero unico nel suo genere ed è subito un grande successo. Le copie prodotte non riescono a coprire la richiesta. Il viaggio è destinato a continuare.

La nuova ristampa avviene in accordo con la storica Casa Editrice Leone Verde


«Abbiamo deciso di percorrere la strada del crowdfunding per darci la possibilità di vivere l’esperienza che solo una community può offrire. Solidarietà, sostegno e senso di appartenenza: questa è stata la parte più importante del nostro viaggio che oggi è diventata una realtà editoriale. ». Elena, mamma di Alice



Manuale per Futuri Scrittori


Wordland, piccolo manuale per futuri scrittori è una guida fantasiosa che offre ai bambini uno strumento semplice per esprimere la propria creatività attraverso la scrittura.

Contiene brevi esercizi per allenare la fantasia ed imparare a descrivere i personaggi, a dividere il racconto in pochi passaggi e a inventare la propria firma. Il tutto invogliando il bambino a sperimentare. 

Si parte dalla lettura dal racconto “La ragazza dello specchio” e si arriva a gettare le basi della propria narrazione.


È la storia di Clara, una ragazzina che vive in un piccolo paese vicino a un bosco e che, un giorno, dal vecchio specchio della stanza da bagno dei nonni, sente una voce femminile che la chiama. Chi è questa donna e perché è imprigionata nello specchio? Tra indizi da scovare, prove di valore da affrontare, ostacoli da superare e un tempo che sta per scadere, Clara vivrà un’avventura che la porterà a scoprire come il
coraggio, i legami affettivi e la sincerità saranno indispensabili non solo per risolvere il mistero, ma per intraprendere il proprio percorso di crescita. Una racconto scorrevole che vi terrà con il fiato sospeso fino alla fine.  


La scrittura non è forse una delle abilità necessarie per conquistare il futuro?

E’ proprio questo l’ingranaggio che mette in moto la seconda parte del Manuale. La giovane autrice ci invita a lasciar fluire le parole, ad esplorare nuovi immaginari.


Tutto questo è possibile grazie a sperimentazioni che vedono il lettore al centro dell'esperienza. 

Scrivere una storia diventa complesso solo se ci troviamo di fronte ad un foglio bianco. 

Alice ci mostra come diventare gli autori di un testo seguendo pochi e semplici passaggi e ci fornisce una traccia che permette di non smarrirsi. 

C'è persino una parte dedicata alla scrittura della propria biografia personale per presentarsi al pubblico.


Alla fine dell'esperienza, le lettere sparse nella vostra mente avranno trovato ordine e daranno forma al vostro libro storia. Consigliatissimo ! 


EasyReading

Per la stampa è stato utilizzato il Font EasyReading , carattere ad alta leggibilità.



Puoi cercare il libro nella tua libreria di fiducia.

Acquistarlo sulla pagina dell'Editore
qui ( con il codice LEGGIAMOINSIEME21 non paghi le spese di spedizione )

Ordinarlo su Amazon qui







Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl