Passa ai contenuti principali

Libri per bambini da leggere ad alta voce: Ramona la peste di Beverly Cleary, tradotto da Susanna Mattiangeli


Ramona la peste Beverly Cleary - Susanna Mattiangeli -Barbagianni
Mancano una manciata di giorni a dicembre e mi sembra doveroso iniziare a mostrarvi i miei titoli imperdibili.
 

RAMONA LA PESTE

Beverly Cleary , traduzione Susanna Mattiangeli, illustrazioni Jacqueline Rogers.

In vetta a tutte le liste ci sono le storie di Beverly Clearly, una delle autrici più amate d’America. Nata nel 1916 ha vissuto negli anni in cui John Dewey si batteva per una scuola attiva ed esperienziale. Nelle sue storie ritroviamo i vissuti "attivi" e le domande esistenziali dei bambini e tanto tanto umorismo. 

Ramona è una piccola peste, e adesso che deve iniziare il Kindergarten, 
"un edificio prefabbricato in legno con un parco giochi"
 non vede l’ora di mostrare alla classe la sua bambola Chevrolet, l’ha chiamata come la macchina di sua zia 🚗. Le giornate con l'insegnante Miss Binney sono intense e quando è ora di fare il riposino finge di dormire per poter ricoprire il ruolo della “Fata del risveglio” e svegliare la classe con una bacchetta magica - in realtà la bacchetta magica non è altro che un righello 📏! 


Ogni piccola cosa che la piccola Ramona combina fa sorridere. Potrei raccontarne all’infinito, ma vi consiglio di procurarvi questo delizioso libro. 







Ogni capitolo è intervallato dalle illustrazioni in bianco e nero di Jacqueline Rogers

La narrazione è resa ancora più avvincente dall'opera di traduzione di Susanna Mattiangeli.

Il Font è ad alta leggibilità!
Sei interessato all'acquisto? lo trovi qui 

Ti consiglio di leggere il primo libro della serie - clicca sul link -  

E ora non ci resta che attendere il prossimo episodio!

Buone letture!
Carlotta

#mammaleggiamoinsieme 

Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli. memeandsaysay Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli c