Passa ai contenuti principali

LIBRI PER L'INSERIMENTO ALLA SCUOLA PRIMARIA

Dove si trova il posto giusto?
Quello spazio nel vuoto in grado di darci un'identità, quel posto rassicurante dove approdare e sentirsi a casa.
Il posto giusto per i bambini è dapprima il ventre materno e successivamente il nido che i genitori gli preparano con tanto amore.

Ogni bambino ha diritto di trovare un posto speciale dove non sentirsi mai solo.

Nasce così “Il Posto GIUSTO”, una storia illustrata che ha preso vita dalla collaborazione tra la Fondazione per l'infanzia Ronald McDonald e Carthusia Edizioni.


IL POSTO GIUSTO
Beatrice Masini e Simona Mulazzani
Carthusia Edizioni

mamma leggiamo insieme

Quando scoiattolo si sveglia dal lungo inverno, trova che la sua tana è cupa, il sol guardarla gli fa venire i brividi.
Qualcosa si accende dentro di lui e gli fa capire che..
NON E' IL POSTO GIUSTO!
Allo stesso tempo una vocetta lo accompagna e tenta di fargli cambiare idea..non è semplice aprirsi al nuovo, più facile rimanere rinchiusi nella propria tana.
L'animaletto non pare convinto e decide di mettersi in viaggio e "chiedere in giro" se il luogo che lui cerca esiste davvero.
Lungo il cammino incontra diversi animali, ognuno di loro ha una risposta.

Picchio ad esempio adora i buchi, mentre tartaruga gli indica che la felicità è sotto.

mamma leggiamo insieme

Cincia, talpa e civetta danno le loro differenti versioni.
Ognuno ha un punto di vista diverso.
Ma come trovare il famigerato POSTO GIUSTO?
La tanto attesa risposta arriva grazie a un sonno rigeneratore, è solo allora che scoiattolo comprende che per creare questo magnifico luogo serve il sostegno di tutti.
Sceglie così un albero molto grande, con radici profonde e rami larghi e lunghi dove ciascuno può trovare lo spazio ideale...

mamma leggiamo insieme


C'è chi si posiziona sopra, chi sotto, chi scava gallerie..perchè in fondo
IL POSTO GIUSTO E' DOVE SI STA INSIEME !!!

Proprio come nelle Case e Family Room, diffuse in 58 paesi nel mondo, che la Fondazione Ronald McDonald mette a disposizione alle famiglie che hanno la necessità di rimanere lontane da casa per lunghi periodi per garantire ai figli malati, le cure mediche necessarie.

Il libro termina con attività ispirate alla storia che lo rendono molto adatto ad essere utilizzato come libro di passaggio per le insegnanti della Scuola dell'Infanzia e del primo ciclo della Scuola Primaria.
Dopo la casa, la scuola rappresenta un altro approdo importante dove i nostri piccoli passano molte ore della propria vita. Il testo favorisce spunti di riflessione utili per l'inserimento in ambientI nuovi e cooperativi.

Le illustrazioni sono colorate e hanno un tocco raffinato. Meraviglia per gli occhi.

Grazie a Carthusia Edizioni e alla sua sensibilità verso le giuste cause, leggendo questo libro, non solo vi ritaglierete momenti di tenerezza con i vostri piccoli lettori, ma contribuirete a finanziare meravigliosi progetti.


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl