Passa ai contenuti principali

UN LIBRO IMPERDIBILE DA LEGGERE AI BAMBINI: ZAGAZOO DI QUENTIN BLAKE

Quentin Blake è senz'altro uno degli illustratori più amati dai bambini di tutto il mondo (e anche dalla sottoscritta).
Non vi dico la sorpresa quando qualche settimana fa ho ricevuto l'anteprima della traduzione italiana di ZAGAZOO, capolavoro editoriale firmato da questo straordinario autore inglese.
Questo titolo è stato pubblicato per la prima volta nel 1998 da Random House e tradotto in tutto il mondo, ora arriva in Italia, grazie alla casa editrice CameloZampa che con questa pubblicazione festeggia i suoi primi 5 anni.

mamma leggiamo insieme

ZAGAZOO
scritto e illustrato da Quentin Blake
traduzione di Sara Saorin
Camelozampa editore
collana Le piume

mamma leggiamo insieme libri per bambini


George e Bella sono una giovane coppia che viene piacevolmente stravolta dall'arrivo di uno strano pacchetto recapitato per posta.
Che gioia quando scoprono che dentro all'incarto c'è Zagazoo, un'adorabile creaturina rosa. 


mamma leggiamo insieme libri per bambini


Il piccoletto è un essere in continua evoluzione che porta felicità ma anche scompiglio in quanto talvolta strilla, sporca, butta all'aria la casa...
La felice famigliola riuscirà a sopravvivere alle responsabilità che si celano dietro al ruolo genitoriale?!


mamma leggiamo insieme libri per bambini

Una narrazione brillante, improbabile, geniale, una storia che condensa in 36 pagine il cataclisma dell'arrivo di un bambino.
Una gioiosa celebrazione delle gioie e degli orrori della genitorialità, l'altalena di pura felicità e momenti di panico in cui ogni genitore non faticherà a riconoscersi.
Le tappe della crescita vengono mostrate in tutte le sue fasi, ognuna più imprevedibile della precedente...un toccante messaggio sulla vita.


Esilarante per tutti, dai più piccini alle mamme e ai papà, è un albo perfetto ad ogni età.

Cosa aspettate?!?! Correte in libreria.... (l'uscita è prevista per il 14 ottobre)

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl