Passa ai contenuti principali

UN LIBRO PER CONOSCERE LE MAMME

Maggio è il mese in cui si celebrano le donne più importanti della nostra vita, le nostre MAMME.
Le conosciamo da sempre ma come sono in realtà?

Oscillano tra progressismo e conservatorismo, innovazione e tradizione, tra passione per il lavoro e desiderio di dedicare tutto il proprio tempo ai figli, tra voglia di femminilità e tensione alla maternità, così le definisce Maria Letizia Verri, scrittrice del saggio Mamma, femminile plurale.

MAMMA, FEMMINILE PLURALE
Maria Letizia Verri
FrancoAngeli


libri da regalare Mamma leggiamo insieme

Una lettura piacevole che ci aiuta a comprendere l'identità delle mamme di oggi. 

Sempre di corsa, necessariamente multitasking, con un'anima fortemente social, le mamme sono un target affascinante capace di produrre e guidare le rivoluzioni culturali. Dinamiche, pioniere e pronte a cavalcare qualsiasi innovazione in atto come un'opportunità da cui trarre arricchimento, conoscenza e supporto, costituiscono il vero humus dell'ecosistema sociale. 

Attenzione!! Non vi illudete che sia tutto rose e fiori perché i momenti di crisi sono spesso dietro l'angolo.
I 'requisiti base' per poter rivestire al meglio il ruolo materno si sono decisamente innalzati, verso standard a cui è sempre più difficile tendere. La società pretende la perfezione, anche dopo una notte insonne, e questo a volte ci fa sentire inadeguate.
Vogliamo parlare dello sfinimento della quotidianità che ci vede perennemente di corsa?
Risultiamo forse una generazione di mamme imperfette?

La parola d'ordine per poter conciliare tutto senza esaurirsi, è...ORGANIZZAZIONE!
Tutto deve essere pensato nei minimi dettagli, la pianificazione diventa necessaria.

Maria Letizia Verri descrive con precisione una figura in continua evoluzione e lo fa sostenendo le sue tesi con un'indagine* realizzata su 800 mamme, divise per 2 macro fasce di età dei figli (0-5 anni e 6-11 anni) .


Una lettura gradevole, interessante e scorrevole.
Mi è piaciuta molto la parte in cui l'autrice racchiude le mamme in cinque profili ironici:
l'attenta e vigile mamma Controller; la decisa e sicura mamma Scout; la mamma You&Me, moderna declinazione della mamma chioccia; la disinvolta e pratica mamma Relaxed; la mamma in Team, sempre alla ricerca di conferme e pronta a delegare.

E voi come vi sentite?
Alpha , Social, Green, Controller, Scout...



RECENSIONI LIBRI MAMMA LEGGIAMO INSIEME
MAMMA RELAXED illustrazione di Georgia Conte


*indagine svolta da Research AnalysisExploration in partnership con FattoreMamma.

Commenti

  1. Interessante! Dai sempre consigli preziosi ;-) grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jessica, grazie del commento. Se leggi il libro fammi sapere cosa ne pensi. buone letture! Carlotta

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…