Passa ai contenuti principali

LIBRI PER BAMBINI CHE FATICANO A LEGGERE

Vi piacerebbe ricevere l’invito per l’inaugurazione della nave galleggiante più grande del mondo? 
Un giro a bordo per dare un’occhiatina a un fenomeno di alta ingegneria e brindare in compagnia delle celebrity del momento.

alta leggibilità dislessia mamma leggiamo insieme


L’INAUGURAZIONE DEL POSEIDON
Davide Calì 
Biancoenero edizioni

Il suo nome è Poseidon ed è la nave galleggiante più grande del mondo, a bordo accoglie comfort di ogni tipo: piscine, cinema, campi da tennis, campi da golf, sale da ballo, ristoranti e chi più ne ha più ne metta.. è un miracolo se rimane a galla!
E’ talmente lussuosa che ci si potrebbe accontentare di una terza classe, camera in stile Vichingo,  la più economica. Figuratevi che la camera super lusso in stile Faraone possiede un letto da 8 metri, TV color da 146 pollici, 24 tappeti persiani e 48 palme finte. Un tantino pacchiana.

In giorno dell’inaugurazione non manca proprio nessuno: ci sono cuochi famosi, stilisti, cantanti, comici e calciatori più o meno conosciuti, e persino il giornalista Alberto Melis, addetto stampa che prova a districarsi tra una rissa al buffet e tanti, forse troppi, bicchieri di spumante.

Siamo sicuri che a questo enorme capolavoro non manchi proprio nulla? 

Sarà proprio lo sfortunato giornalista a scoprire a sue spese la grande “pecca” della colossale nave…un problema strutturale davvero scomodo !

Un libro della Collana MiniZoom adatto a chi ha da poco iniziato ad avvicinarsi alla lettura e ha bisogno di uno stile lineare chiaro e accattivante.
Una lettura scorrevole, divertente e davvero ben illustrata.
La font utilizzata rispetta gli accorgimenti visivi che facilitano la lettura di tutti, in particolare dei dislessici.
Come tutti i libri editi dalla casa editrice Biancoenero edizioni, anche “L’inaugurazione del Poseidon” è stato vagliato e approvato da una redazione di giovani ragazzi - gruppo di giovani del centro CRC - Balbuzie - divisione apprendimento di Roma.

Il commento di mio figlio…
Questa storia sarebbe stata ancora più divertente se il viaggio sul Poseidon avesse avuto inizio.
Che avventura si sarebbe prospettata ;-)

Leggi l'anteprima sul sito Biancoenero edizioni cliccando qui


Buona lettura

Carlotta

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl