Passa ai contenuti principali

LIBRI DI NATALE PER BAMBINI

Quali libri avete selezionato per il Natale dei vostri piccoli?
Frugando in libreria ho trovato diversi classici e alcuni titoli in lingua inglese. C'è chi tira fuori le decorazioni e chi come me rispolvera i libri da leggere in questo magico periodo dell'anno.

blog mamma leggiamo insieme libri e lampada da camera


Ecco la mia piccola selezione:

THE SNOWMAN
Raymond Briggs
Famosissimo albo senza parole, narra la storia di uno straordinario pupazzo di neve che prende vita e familiarizza con il bambino che lo ha costruito.
L'edizione che vedete nella foto l'ho trovata ad un mercatino dell'usato...era nascosta insieme ad altri libri in un piccolo cestino e aspettava me!
età: dai 3 anni

IL CANTO DI NATALE
Charles Dickens
Chi non conosce il vecchio avido Scrooge? Nemmeno il Natale riesce a sciogliere il suo gelido cuore. Un classico intramontabile per rivivere ogni anno lo spirito del Natale.
età: dai 10 anni

THE CHRISTMAS SURPRISE
Una semplice lettura in lingua inglese. Le celebri sorelline Ella e Olivia sono pronte a vivere un Natale ricco di sorprese. Una divertente storia ricca di immagini da colorare.
età: dai 9 anni (non vi ho messo il link perché su Amazon non è disponibile, ci sono però altri titoli della stessa serie)

RACE TO THE NORTH POLE
Pronti a vivere una divertente avventura sulla neve? Per leggere la storia basterà scorrere il ditino sul sentiero innevato e seguire i pinguini e gli elfi per arrivare al Polo Nord da Santa Claus.
età: dai 2 anni (il libro è in lingua inglese)




Come potete vedere, nella foto c'è un'intrusa, la piccola APE MAYA venduta da VARTA, una deliziosa lampada da notte a Led con due intensità di illuminazione: forte e tenue. Dotata di touchscreen e funzione di spegnimento automatico dopo 30 minuti. Ideale come compagna di avventure notturne per i più piccini. 


Ape Maya Varta


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl