Passa ai contenuti principali

BARCELLONA CON BAMBINI - 16 ITINERARI PER SCOPRIRE OGNI ANGOLO DELLA CITTA'

Avete già scelto la meta per le vostre vacanze
Amate il mare, preferite la montagna o prediligete le città ricche d’arte?

Da qualche anno io sono alla ricerca di luoghi da scoprire, ho appuntato diverse città sul mio taccuino e non vedo l’ora di poterle piano piano visitare.
Un luogo che amo e che visiterei all’infinito è Barcellona, città spagnola ricca di suggestioni.
Ecco un libro che vi aiuterà a scoprirla in ogni suo angolo.

lonely planet kids e mamma leggiamo insieme

Loneny planet Kids
BARCELLONA DA SCOPRIRE
Edt editore

Barcellona fu fondata più di 2000 anni fa, dunque non stupisce il fatto che sia così ricca di leggende. Grazie a questa meravigliosa guida Lonely planet, pensata per chi viaggia con i bambini, riuscirete ad esplorarla in un modo del tutto nuovo, potrete avventurarvi in alcuni luoghi associati ad antiche storie. 
La guida contiene 16 intriganti percorsi a tema per mettere in luce i segreti più inaccessibili della capitale cosmopolita della Catalogna. 

Per chi è alla ricerca di un itinerario acquatico, non bisogna dimenticare che la città è lambita dallo splendido Mar Mediterraneo, potrete prevedere giorni di sabbia e sole recandovi a Barcelloneta, e magari visitare l’incantevole acquario che ospita migliaia di pesci. 
I bambini più coraggiosi possono persino trascorrere la notte in un sacco a pelo vicino agli squali. 

Amate le colline
Perché non salire sulla cima del Tibidabo e godere di una visita straordinaria, un grattacielo che cambia colore, mostri che vivono sui tetti e una delle piscine più panoramiche del mondo.
Sarà magnifico osservare tutto dal cielo!

Barcellona offre allo stesso tempo forme d’kjhb in ogni suo angolo, il Museo Picasso, la fondazione Joan Mirò e gli scorci mozzafiato contaminati dalle opere di Gaudì, uno dei grandi artisti della città.  Gaudì progettò la Sagrada Familia, il più famoso edificio incompiuto del mondo, iniziato nel 1882. Pensate, egli cominciò il progetto per la basilica quando aveva 31 anni, e in tarda età finì per vivere in una casetta direttamente nel cantiere. La Sagrada divenne la sua ossessione. 
Gli architetti che seguono il cantiere, contano di portarla a termine nel 2026, per il centesimo anniversario della morte dell’artista.

Una guida davvero ben fatta, Lonely planet riesce sempre a distinguersi !

Vi lascio il link al libro qui

Nella stessa serie: Londra, Parigi, Roma e New York


Ed ora vi lascio alle ricette di Francesca “Un Draghetto in cucina” che ha pensato di proporre alcuni piatti tipici del luogo.

TAPAS PER TUTTI I GUSTI

Pasta alle melanzane e peperone crusco Lucano di Senise
Cosa serve:
- 350 gr di pasta di farro
- due melanzane striate
- 8 cucchiai di polpa di pomodoro 
- 6/7 pomodorini secchi sott'olio
- una manciata di capperi di Pantelleria sotto sale
- due peperoni cruschi di Senise
- olio evo
- sale integrale
Come fare:
Accendere l'acqua della pasta. Saltare in padella con un filo di olio evo le melanzane sbucciate tagliate a quadratini, finché non diventano morbide. Aggiungere polpa di pomodoro, pomodorini secchi, capperi. Aggiustare di sale.
Contemporaneamente cuocere la pasta, scolarla e farla saltare nella padella con il sugo.
Servire nelle ciotoline, sbriciolando in superficie il peperone crusco.

Frittatine porro e fiori di zucchina
Cosa serve:
- 6 uova
- due porri
- 8 fiori di zucchina
- olio evo
- sale integrale
Come fare:
Lavare i porri mantenendo la parte verde del ciuffo. Tagliarli a piccoli pezzi e farli saltare in padella con un filo d'olio, fino a farli appassire. Pulire i fiori di zucchina, aggiungerli ai porri. Farli saltare un minuto. 
Unire le uova sbattute con una forchetta e un pochino di sale. Cuocere la frittata e tagliarla a tocchetti.

Fagioli all'uccelletto
Preparare i fagioli all'uccelletto generalmente vengono utilizzati fagioli cannellini ma io adoro i borlotti, quindi consiglio di provare entrambe le versioni.
Cosa serve:
- 250 gr di fagioli cannellini cotti
- 250 ml di passata di pomodoro 
- una cipolla rossa
- un cucchiaino di paprika dolce
- un cucchiaino di peperoncino
- un cucchiaio di origano secco
- olio evo
- sale integrale
Come fare:
Mondare la cipolla e tagliarla molto finemente. Farla saltare in padella con un filo di olio extravergine di oliva, aggiungere i fagioli la passata di pomodoro e le spezie.
Cuocere a fiamma bassa per circa 20 minuti.
Regolare di sale.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…