Passa ai contenuti principali

COME SOPRAVVIVERE CON UN FIGLIO ADOLESCENTE IN CASA

Avere un adolescente in casa è cosa assai complicata. Ci sono giorni in cui da genitori ci sentiamo smarriti e ci interroghiamo sulle scelte giuste da fare. Certamente non disponiamo di un prontuario con le risposte corrette ai nostri dubbi, anche perché ogni ragazzo ha particolarità che lo contraddistinguono, ma esistono chiavi di lettura che possono farci apparire la strada un po’ più luminosa e decisamente percorribile. 
Oggi vi voglio parlare della mia ultima lettura, un piccolo manuale che aiuta a comprendere l’adolescente che cresce.


figli adolescenti


PICCOLO MANUALE PER DOMATORI DI LEONI
Filippo Mittino
Edizioni San Paolo

L’autonomia, le emozioni, le relazioni tra coetanei, il futuro: come fa a nascere un adolescente? 

Viviamo in una società che ci rende genitori iperprotettivi, le situazioni che ci troviamo a dover affrontare sono diverse da quelle del passato e il confronto con le figure più mature della famiglia non sempre chiarisce le idee, ci sono giorni in cui tutto appare complicato.

Come fare a gestire quel portentoso miscuglio di voglia di libertà, ribellioni, paure, tracotanza, fragilità, entusiasmo che è l’adolescente?

Filippo Mittino, psicoterapeuta che lavora nelle scuole, ci corre in aiuto, raccoglie la voce dei ragazzi e li esorta a usare la scrittura per raccontarsi al mondo dei grandi, che siano essi stessi genitori, insegnanti, educatori. Ne emerge un libro avvincente, un prezioso manuale che sfida noi genitori-domatori a sostenere il loro percorso evolutivo.

Innanzitutto bisogna puntare sulle relazioni, alla base del rapporto genitori-figli occorre tendere alla amae, termine giapponese che indica la capacità di lasciarsi andare all’aiuto, alla rassicurazione e al conforto da parte di un’altra persona. Un vero antidoto alla solitudine! Si tratta della capacità dell’adolescente di aver interiorizzato “personaggi buoni” ai quali chiedere conforto in caso di necessità. 

Altra caratteristica da coltivare è l’empatia, per dirla come Winnicott, è importante per il ragazzo, trovare sul proprio cammino qualcuno capace di rispecchiare i suoi sentimenti, che gli permetta così di imparare a riconoscere le emozioni e nominarle. 

Non dimenticate di offrire ai vostri ragazzini esempi che li aiutino a crescere!

E ora vi lascio ai consigli di Francesca “Un Draghetto in cucina” che ha pensato di preparare una merenda per adolescenti affamati.

HUMMUS BURGERS 
freschi, estivi e colorati per adolescenti affamati 
(dosi per 4 burgers)

COSA SERVE?
  • 4 panini al sesamo
PER I BURGERS
  • 450 gr di ceci cotti
  • 2 cipolle rosse
  • 4 cucchiai di tahini
  • 2 barbabietole cotte
  • un pizzico di sale
  • un cucchiaio di crema di mandorle tostate

PER FARCIRE
  • Insalata
  • Cetriolini ( facoltativi)
  • Maionese veg o altre salse a piacere
  • formaggio a fette veg

PROCEDIMENTO
Frullare ceci, cipolle, barbabietole, tahini, crema di mandorle e salare. L’hummus deve apparire compatto.
Farcire i panini a freddo.
In alternativa, si può fare riposare l’impasto in frigorifero e formare dei mini Burger con l’aiuto di pane grattugiato e cuocerli in forno a 180 gradi per 20 minuti/ oppure in padella con un filo di olio).

SUGGERIMENTO:
si può accompagnare l’hummusburger con delle stick di farinata croccanti, oppure con delle Jacket potatoes.

Buon appetito!
Francesca “Un Draghetto in cucina”




Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…