Passa ai contenuti principali

FANTASTICO RODARI : W LE MAMME ILLUSTRATE DA CHIARA CARRER


Maxi formato per il nuovo arrivato in casa Emme Edizioni,  ma dalla libreria non spiccherà per le dimensioni, bensì per il profondo significato che si può cogliere sfogliandolo. 

Il titolo è lunghissimo, forse manca, per una volta ci si può accontentare di una domanda. A firmarlo, su un foglio a righe che ricorda i quaderni di scuola, è riportato il nome di un grande maestro: Gianni Rodari.

Perché la mia mamma deve andare a lavorare tutti i giorni, invece di restare a casa come piacerebbe a me e ai miei fratelli ?

Testo di Gianni Rodari, illustrato da Chiara Carrer - Emme Edizioni

Si parte da una delle domande contenute nell'arcinoto Il libro dei Perché,  titolo pubblicato postumo nel 1984 e nato dalle rubriche curate dal Rodari giornalista.

È proprio sfogliando questo testo e scorrendo i 145 quesiti posti all'autore dai bambini che troviamo una domanda che nasconde una riflessione profonda sul ruolo della madre:

Perché la mia mamma deve andare a lavorare tutti i giorni, invece di restare a casa come piacerebbe a me e ai miei fratelli ?

Non è forse il sogno di ogni bambino poter avere la mamma sempre a casa, affidarle i più svariati compiti come farsi lucidare le scarpine "e tanti altri eccetera, ecceterini."

Rodari, senza troppo giri di parole ci mostra come ribaltare la situazione. Con una gentile risposta parla ai più piccoli, i cittadini del futuro. Li esorta a modificare il loro pensiero, li invita a guardare con ammirazione la loro mamma che lavora e "si rende utile a tutta la società."

Le illustrazioni

Il delicato compito di trasformare questa domanda in albo illustrato è affidato a Chiara Carrer.

Le abili mani dell'artista che illustra e progetta nel campo dell'editoria da più di trent'anni, danno vita ad un albo fresco e vitale che allo stesso tempo conserva il fascino del passato. Che maestria !

La Carrer fa danzare in modo armonico una manciata di pennarelli su dei fogli a righe. 
Quando osservi i suoi disegni pare che il colore sia ancora fresco, viene il dubbio che passandoci sopra il dito possa sbavare. Ogni disegno colpisce per la sua apparente semplicità, fa venire voglia di strappare un foglio dal quaderno e provare a replicare tanta bellezza.

Una mamma troppo impegnata nelle faccende casalinghe sembra perdere pezzetti importanti di sé, ce lo mostrano bene le illustrazioni che a tratti scompaiono. La vediamo nella sua completezza solo quando può davvero esprimersi. Il lavoro la nobilita, la rende "una donna importante e brava".

E poi c'è la copertina che grida un messaggio ai bambini di tutto il mondo...

vi potete mettere alla finestra ad aspettare che la mamma torni per domandarle  

"che cosa hai fatto oggi? parlaci del tuo lavoro e insegnaci a diventare bravi come te".

Buona lettura !


Sei interessato all'acquisto? lo trovi qui

Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl