Passa ai contenuti principali

Storia d'Italia per bambini, in edicola la collana firmata da Emse

Non è forse la STORIA la disciplina più amata dai bambini? scopriamolo insieme con una divertente collana firmata Emse.


Storia d'Italia è una collana pensata per far conoscere ai più piccini le affascinanti vicende del nostro paese. Quaranta volumi illustrati per scoprire la STORIA D'ITALIA, dalla Preistoria alla nascita della Repubblica.

Il primo titolo è dedicato a "I primi italiani" che popolarono la Terra circa un milione e mezzo di anni fa. A narrare la storia delle nostre radici è il nonno di Giulia e Marco che ogni martedì invita i bambini in un luogo segreto, una stanza piena di spade, mappe, bussole...un vero museo che li riconduce alle radici del Mondo! Conquistati dalla passione del nonno e dai suoi racconti, i due nipotini viaggiano nel passato e scoprono i fatti, i personaggi e le invenzioni che hanno fatto la storia.

Terminata la prima parte dedicata alla narrazione, viene dato ampio spazio agli approfondimenti ed è possibile mettersi alla prova con stimolanti completamenti legati al periodo trattato.

Curiosi di imbarcarvi in questa avventura? la trovate in edicola dal 25 agosto al prezzo lancio di euro 1,99 .


Un viaggio straordinario che porterà i bambini alla scoperta del nostro passato e della storia italiana.












La fondazione di Roma
I sette re di Roma (meno uno)
Gli etruschi, un popolo misteriosa
La Magna Grecia
Le scoperte di Galileo Galilei
Garibaldi nella spedizione dei Mille 


Quaranta pubblicazioni per incuriosire i bambini e farli appassionare agli eventi del passato, le prime tre con cadenza quindicinale e le successive ogni settimana. 

Per conoscere i titoli della collana, il piano dell’opera e ricevere tutti i volumi comodamente a casa vi invito a visitare la pagina del progetto cliccando qui



È possibile sottoscrivere un abbonamento che consente di ottenere sconti e regali esclusivi.


Non perdete il primo volume Storia d'Italia "I primi italiani" in edicola al prezzo lancio di euro 1,99piacerà a tutta la famiglia !

Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl