Passa ai contenuti principali

DECALOGO DEI DIRITTI DEL LETTORE

holetes literarios by Raquel Aparicio

Decalogo dei diritti del lettore
Piena libertà nell'approccio individuale alla lettura perché "le nostre ragioni di leggere sono strane quanto le nostre ragioni di vivere"

Il diritto di non leggere (mamma stasera non ne ho voglia!)
Il diritto di saltare le pagine (mamma sono curioso, puoi andare avanti veloce...)
Il diritto di non finire un libro (questo libro proprio non mi piace...)
Il diritto di rileggere (puoi rileggere ancora...ti prego, ti prego...)
Il diritto di leggere qualsiasi cosa (mamma prendiamo questo libro, e anche questo e anche quello...)
Il diritto al bovarismo = la soddisfazione immediata ed esclusiva delle nostre sensazioni (eventuali smorfie, grattini....)
Il diritto di leggere ovunque (una brava mamma deve sempre avere un libro nella borsa..)
Il diritto di spizzicare (leggere con qualcosa da sgranocchiare rende il tutto più appetitoso...)
Il diritto di leggere ad alta voce (alzare la voce quanto basta..urlare se necessario...)
Il diritto di tacere (non svelare quello che abbiamo letto è un nostro diritto imprescindibile...)

tratto da "Come un romanzo" Daniel Pennac, Feltrinelli, Milano 1998
le parti tra parentesi sono mie interpretazioni


Daniel Pennac è un autore di libri per bambini, ma anche di romanzi. Insegna francese in un Liceo Parigino e osservando ogni giorno i suoi alunni ha notato il lento disinteresse per la lettura. Nel saggio "Come un romanzo" lo scrittore ha stilato una lista di diritti del Lettore per mettere in evidenza con leggerezza e ironia che la lettura è un piacere e non un obbligo morale o culturale.


Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…