Passa ai contenuti principali

LIBRI PER SMETTERE IL CIUCCIO

La scienza ha recentemente dimostrato che, il leggere ad alta voce e con una certa continuità, influenza positivamente i bambini piccolissimi, sia dal punto di vista relazionale che cognitivo.

La lettura infantile , rafforza i legami, sviluppa precocemente la comprensione del linguaggio e la capacità di lettura da parte del bambino e lo sostiene quando ci sono fasi delicate da superare.

Le proposte di oggi sono pensate per quei bambini che devono affrontare la separazione dal ciuccio.

Leslie Patricelli
Franco Cosimo Panini


Pensato per la fascia 0/3 questo cartonato semplice e resistente aiuterà i vostri bambini a prendere confidenza con il ciuccio.
Non si tratta di un vero e proprio libro che aiuta ad abbandonare il ciuccio, ma più che altro di una caccia al tesoro per perderlo e ritrovarlo...starà al genitore trovare il modo giusto di nasconderlo.

Età di lettura: fascia 0/3
lo trovi qui


LUPETTO VUOLE IL CIUCCIO
Orianne Lallemand e Éléonore Yhuillier
Gribaudo





Lupetto è un personaggio molto amato dai bambini, nei suoi librino insegna sempre qualcosa, che sia come smettere il vasino, come accogliere un fratellino in arrivo o come in questo caso come far abbandonare il tanto amato ciuccio anche ai più testoni. 

Nella storia in questione Lupetto non vuole togliere il suo ciuccio. La mamma e il papà insistono: dopotutto non è più un bebè! Fortuna che sua sorella....



Età di lettura: dai 2 anni

Lo trovi qui 


scritto da Christine Naumann - Villemin
Illustrato da Marianne Barcilon


Nina, la scaltra protagonista del libro farfuglia sillabe poco comprensibili perchè il succhiotto non le permette di scandire bene le parole.
La mamma la mette alla prova ma la piccola, imperterrita, sostiene la sua tesi...

"Il mio ciuccio ftarà sempre con me"
"E quando ti sposerai?" chiede la mamma
"Ftarà neniffimo con il mio veftito"

Dopo aver parlato con la mamma, Nina fa una passeggiata e incontra un terribile lupo intenzionato a mangiarsela.

Nina capisce che è il momento di levarsi il ciuccio dalla bocca....




Età di lettura: dai 2 anni
Lo trovi qui



Pensate che il un bellissimo parco danese, esiste un albero dove le mamme e i bambini vanno ad appendere i loro ciucci quando è giunto il momento di salutarli. Io ho avuto la fortuna di vederlo ed è davvero magico, credo veramente che un posto del genere permetta di lasciarlo senza soffrire troppo. 
È un po' come quando lo si affida alle onde del mare alla fine di una vacanza. 


Commenti

  1. bellissimo libro, fatto molto bene, riesce a convogliare pienamente l'attenzione sul problema del togliere il ciuccio, noi l'usavamo molto nell'animazione alla lettura per i bambini; mia nipote di 6 anni lo nomina sempre, una storia che rimane impressa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento! Anch'io trovo che questa storia sia fatta molto bene, anche le illustrazioni sono simpatiche; ora sono curiosa di leggere il nuovo titolo "Un cucciolo per Nina"...sarà all'altezza dell'aspettativa dei più piccoli?!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl