Passa ai contenuti principali

I DIRITTI DEI BAMBINI

illustration Audrey Jeanne

I diritti delle future donne non vengono rispettati in tutto il mondo.
In ancora troppi paesi le ragazze non sono trattate alla pari dei loro coetanei con i pantaloni e subiscono differenti ingiustizie come quella che le vede costrette a lavorare o a sposarsi quando sono delle bambine, compromettendo così il loro avvenire culturale.

Mi chiedo se i nostri bambini, che in questo caso si trovano nella cerchia dei privilegiati, sono a conoscenza di quanto ho appena asserito.
L'Unicef racconta quanto detto in una toccante animazione:

clicca sull'immagine per visualizzare il filmato

Come mia consuetudine voglio proporvi alcune letture sul tema: 

INFANZIA:
ZOG Donaldson - Scheffler
Casa Editrice: Emme Edizioni
Anno di pubblicazione: 2010
Età consigliata: dai 4 anni

Questo titolo ha catturato la mia attenzione grazie alle immagini postate su Twitter da una mamma Babytalk che si occupa di comunicazione (quella necessaria tra madri e figli); dalle sue foto ho scoperto il personaggio che andavo cercando: "Arianna".
Arianna è una piccola donna determinata che ha voglia di far valere i suoi diritti, nel libro affianca "Zog", un draghetto imbranato che frequenta la scuola per draghi (per imparare a volare, soffiare...)
La principessa è l'aiutante dello sputa-fuoco; sarà lei a indicargli la strada giusta per un futuro idilliaco, senza guerre e distruzioni.
Il mondo ha bisogno di gente che ami il prossimo. 

"LA PRINCIPESSA DA GRANDE NON FARò, IO HO STUDIATO E DOTTORE SARò:"


ADOLESCENZA:
PERSEPOLIS Si tratta di un fumetto, scritto da Marjane Satrapì. L'opera racconta la vita dell'autrice, della sua infanzia vissuta in Iran fino all'età adulta e dei mutamenti avvenuti in un paese caratterizzato da una dittatura opprimente soprattutto verso le donne; questa condizione l'ha vista costretta ad allontanarsi dalla propria terra d'origine.
Anno di pubblicazione: 2007





Commenti

  1. Il percorso sul femminile è un grande sentiero che va intrapreso sin dall' infanzia e l'educazione al femminile "andrebbe impartita'.secondo coscienza e senso critico. I bambini vanno educati a tirare fuori il loro lato femminile per condurli ad un processo di.crescita ed evoluzione equilibrato fra le parti, in modo tale che diventino adulti responsabili e rispettosi della loro femminilità. L'equilibrio degli opposti deve divenire un obiettivo primario per lo sviluppo psicologico del bambino. "Il femminile perduto" intitolerei un nuovo libro che forse chissà posso o possa qualcuno scrivere in.cui vengano riportati.e realizZati i valori di quella individualità spezZata e.denigrata da anni anni anni anni....La via femminile fatta di simbolismi, forza, volontà, grazia, sapienza, e VITA va riportata alla scoperto.e valorizZata nella meravigliosa sostanza energetica di cui essa è fatta. Educare a questo i bambini è un un grande progetto. Attraverso la lettura.di libri improntati a questo si possono ottenere grandi risultati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela, se usciamo dall'indifferenza e ci impegniamo a lanciare questi importanti messaggi sono convinta che troveranno il modo di risuonare nella coscienza degli individui. Le tue parole sono un prezioso insegnamento.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI

Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach. Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale.









Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale,dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco.

COSA VI OCCORRE:
-Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stagnola -Striscia LED di luce gialla di circa 3mt pieghevole. -C…

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

PROMEMORIA
CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO.
CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE.
CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA!
GIANNI RODARI



immagine tratta dal blogFarefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli.

Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore
La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli coi loro fazzoletti da testa. Fu una grande giornata. Anche adesso molta gente asp…