Passa ai contenuti principali

I BAMBINI, GLI INTERLOCUTORI PIU' DIFFICILI DA ACCONTENTARE - UGO FONTANA

A caccia di INIZIATIVE culturali? Vi suggerisco un giro in PINACOTECA.

Cos'è la PINACOTECA?
La PINACOTECA, è il luogo in cui sono conservate, tutelate ed offerte alla pubblica fruizione opere d'arte dipinte (wikipedia)

DOVE? Pinacoteca nazionale di Bologna
QUANDO? 1-27 Aprile
CURATORI: Giorgia Grilli, Fabian Negrin
INGRESSO GRATUITO
CONTATTI: +39 051 4209411




UGO FONTANA
illustratore per bambini Esigenti

Nato a Firenze nel 1921, ha dato vita e colore a più di 250 titoli in Italia e all'estero.
Come riferisce Giorgia Grilli, curatrice della mostra insieme a Fabian Negrin, l'artista Fontana pensava che i bambini (a partire dal figlio) fossero gli interlocutori più difficili da accontentare.
Non era un pittore mancato ma, al contrario, un maestro di vita che considerava il disegnare per l'infanzia una delle sfide più alte; per questo era sempre alla ricerca di nuovi stili all'altezza del bambino.

La mostra, che si pone come obiettivo quello di riportare alla luce Illustratori dimenticati e introvabili, raccoglie più di 90 tavole originali, realizzate per illustrare fiabe, romanzi e volumi di non-fiction, alcune anche inedite.

Per l'occasione, coinvolte dall'entusiasmo degli organizzatori, alcune tra le più prestigiose case editrici (Mondadori, Salani e Fabbri) hanno deciso di ripubblicare tre volumi illustrati da Fontana:

Grandi Regine, pubblicato per la prima volta nel 1968 torna nell'Edizione Mondadori con nuovi testi di Roberto Piumuni (età di lettura dai 12 anni);

La Bella Addormentata, uscito per la prima volta nel 1982, caratterizzato da un tocco decorativo raffinatissimo, viene ripubblicato da Fabbri (età di lettura dai 5 anni);

Mondo Bambino, una serie ideata tra il 1958 e il 1969, forse uno dei primi progetti per i “nati per leggere”, esce con Salani (età di lettura dai 5 anni).




La raccolta e l'analisi delle preziose opere di Ugo Fontana, è disponibile in italiano e in inglese ed è curata da Giorgia Grilli e Fabian Negrin.


GIORGIA GRILLI è docente di “Letteratura per l'infanzia” presso l'Università di Bologna; oltre all'insegnamento ha contribuito a fondare il primo Centro di Ricerca sulla “Letteratura Infantile” in Italia. A lei devo parte del mio amore per gli albi dedicati ai fanciulli.
FABIAN NEGRIN è autore e illustratore di libri per bambini, ha vinto prestigiosi premi internazionali. 


Cosa aspettate a passare in rassegna i libri della vostra libreria personale? Fontana è deceduto meno di trent'anni fa, nel 1985, il chè può far ben sperare di possedere un libro illustrato dalle sue abili mani.

Se avete voglia di sostenere il blog, acquistate i vostri libri su questa pagina.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl