Passa ai contenuti principali

IL LUPO CHE VOLEVA ESSERE UNA PECORA Babalibri

Leggere poco da piccoli spesso allontana dalla lettura, ma è possibile riscattarsi da genitori appassionandosi ai testi da narrare ai propri figli?

Questo è quanto è accaduto a Viviana, una giovane e bella mamma.

Viviana è una ragazza solare e dinamica che insegna alla scuola primaria; appena ha un attimo di tempo corre a casa dai suoi bambini e si occupa amorevolmente di loro. 
La sua infanzia la ricorda con pochissimi libri sia a casa che a scuola; poi da quando è diventata mamma qualcosa è cambiato, l'esigenza di leggere ai suoi figli l'ha portata a scegliere con curiosità e interesse i testi più idonei.
Così è sbocciato un piacevole "LeggiAmo insieme" familiare, che a sere alterne coinvolge anche papà Felice.
I bambini, Gioele ed Elia, hanno rispettivamente 4anni e 21 mesi; i loro nomi, per una strana coincidenza hanno la stessa etimologia, con gli elementi invertiti.
Il libro che ci consigliano è del grande artista scanzonato Mario Ramos e si intitola....

IL LUPO CHE VOLEVA ESSERE UNA PECORA

Mario Ramos
Babalibri


-I miei bimbi adorano questa storia 
perchè gli piace pensare che il lupo non è cattivo ma "scimunito"



Che dire?!
Questo libro ribalta la figura del lupo, lo ridicolizza per sottolineare ancora una volta, ma mai abbastanza, che non ci dobbiamo fidare delle apparenze e che i lupus in fabula non sono più cattivissimi e astuti come amavano rappresentarli i fratelli Grimm!
Il protagonista in questione è un lupacchiotto bonario con un'ambizione bizzarra: vuole andarsene dal monotono bosco in cui dimora, per poter volare alto nel cielo.
Per realizzare il suo sogno balzano purtroppo gli manca una componente fondamentale: le ali!!!! 
Il lupo, tutt'altro che sagace, ha osservato a lungo le pecore; anche loro non hanno le ali eppure, a volte, le vede in cielo.


L'ingenuo lupetto ricerca una strategia e decide che grazie a un adeguato travestimento (da pecora) potrà coronare il suo sogno.
Il suo progetto si realizzerà, ma in un modo singolare e alquanto stravagante.
Non voglio svelarvi altri indizi, a voi la Lettura....

Scopri il formato economico Babalibri
(Se avete voglia di sostenere il blog, acquistate i vostri libri su questa pagina)




Vi è venuta voglia di consigliarci un libro 

che amate leggere insieme ai vostri piccoli? 



Scrivetemi all'indirizzo c.catellani@icloud.com
clicca sull'immagine per visitare
il sito dedicato a Mario Ramos


Commenti

  1. bello Carlotta questo tuo blog! ciao.
    Maria DG.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, aspetto un tuo libro da "Nonna leggiAmo insieme" ;-)

      Elimina
  2. Grazie per le belle parole usate nel descrivere con minuzia e affetto parte del mio quotidiano...Vivi. W IL BLOG!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl