Passa ai contenuti principali

POESIE E FILASTROCCHE PERCHE' IL RIENTRO A SCUOLA SIA MENO TRAUMATICO

Pronti per il rientro a SCUOLA?
Vi propongo qualche verso per prepararvi a tornare tra i banchi con il sorriso.
Perchè la scuola è si faticosa, ma ci dà anche tantissime soddisfazioni.


C'ERA UNA SCUOLA



C'era una scuola con due finestre...


c'era una classe con due maestre,

una lavagna sopra due zampe
ed una scala con quattro rampe.
Le due finestre erano basse,
le due maestre erano grasse,
sulla lavagna c'era una scritta,
la scala andava fino in soffitta.
Nelle finestre sull'orizzonte
passò un aereo sopra un ponte,
accanto al ponte c'era un tiglio,
sotto il tiglio c'era un coniglio.
Una maestra strillava troppo,
l'altra trovava sempre un intoppo,
una gridava: «Zitti, bambini!»,
l'altra ordinava: «Due t ha gattini!»
Sulla lavagna c'era una frase:
«Quattro gattini dentro due case
stanno giocando nella cucina,
intanto il topo ruba in cantina.»
Sotto la scala la campanella
l'ora attendeva, sì, sempre quella
che manda a casa tutti i bambini
e fa saltare tutti i gradini.
C'era una scuola con due finestre,
c'era una classe con due maestre,
una lavagna sopra due zampe
ed una scala con quattro rampe.








L'ALBERGO DELLE FIABE e altri versi
Elio Pecora
Orecchio Acerbo Editore
età consigliata: dai 6 anni

L'orecchio dei bambini e quello del poeta.

Diciotto poesie piene di ironia e amore per la vita
Quella di tutti.


SCARICA IL PDF cliccando qui
acquistalo su Amazon






Commenti

  1. Ciao, ti ho nominata nel mio blog MAM Mamma Aiuta Mamma per la Top of the post della settimana :-)
    http://mammaaiutamamma2014.blogspot.it/2014/09/top-of-post-15-settembre-2014.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marina, grazieee x avermi inserita nella Top of the post settimanale ;-)
      p.s.Corro subito a vedere il tuo blog...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl