Passa ai contenuti principali

IL GIORNO DELLA MEMORIA: raccontare l'Olocausto ai ragazzi

Per onorare la giornata della Memoria quest'anno ho pensato di proporvi alcune righe tratte dal libro "L'ULTIMO VIAGGIO" di Irène Cohen-Janca e Maurizio A.C. Quarello.

Questo testo narra la storia di un grande pedagogista del 900, Janusz Korczak.
Korczak era un medico ebreo che da pediatra approdò alla pedagogia.
Ribelle fin dalla nascita, non sopportava la suddivisione in classi sociali e il fatto di essere nato in una famiglia agiata.
Nel corso della sua vita si dedicò al mondo dell'infanzia, promosse biblioteche gratuite destinate ai bambini e fondò la Casa per Orfani a Varsavia.
Nel 1929 scrisse un libretto intitolato "Il diritto del bambino al rispetto" che invitava gli adulti a piegarsi, abbassarsi fino al bambino.
Per i bambini era semplicemente Pan Doktor, ma dalle sue idee è nata la Convenzione Onu sui diritti dei bambini e degli adolescenti.

L'immagine del libro che ho deciso di allegare è molto toccante, rappresenta il corteo degli orfanelli guidati dal dottor Korczak che avanza a testa alta, cantando, verso il treno diretto al campo di concentramento.
Alcuni testimoni narrano che il pedagogista venne riconosciuto dagli ufficiali nemici e fu invitato ad abbandonare la sua triste sorte, ma egli si rifiutò di lasciare i suoi bambini.






Noi eravamo privati di tutto,
e nel segreto dei nostri cuori
sapevamo
che non saremmo mai diventati grandi.

Ma il nostro inno si chiamava Fratelli.
Siamo stati assassinati
e non abbiamo avuto sepoltura, come l’amatissimo canarino
che il piccolo Henryk Goldszmit non poté sotterrare.

Noi eravamo giovani piante strappate violentemente alla terra.
Non siamo diventati alberi
e non abbiamo potuto portare i frutti che avremmo dovuto portare.

Ma a guardarci vivere,
ad amarci,
a considerarci con rispetto e a volte con ammirazione, il vecchio dottor Korczak ha fatto progredire
la causa dei bambini.

I Diritti dei bambini
riconosciuti in tutto il mondo
sono le promesse
che noi non abbiamo potuto mantenere, i frutti
che non abbiamo potuto portare.  




Un plauso va certamente alla casa editrice Orecchio Acerbo che si conferma attenta alla qualità delle sue pubblicazioni, i suoi albi sono curati e invitano gli adulti a far riflettere i più piccoli su temi di grande rilievo.

Vi lascio tutti i riferimenti del libro:
L'ULTIMO VIAGGIO
Irène Cohen-Janca e Maurizio A.C. Quarello
Orecchio Acerbo editore
età: dagli 8 anni

Commenti

Post popolari in questo blog

POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI Guarda l'animazione della poesia cliccando qui  Leggi altri post di Rodari cliccando  qui

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl