Passa ai contenuti principali

LA STORIA DEL NATALE IN UN LIBRO PER BAMBINI

Avete fatto il presepe? Siete tra quelli che occupano buona parte della casa/mensole della libreria per poter mettere in scena una natività degna di poter partecipare al concorso del quartiere o avete un animo minimal?

A casa mia, dato che siamo alle prese con un imminente trasloco, abbiamo deciso di trovare un'alternativa per non rinunciare al tanto amato presepe. 
Si tratta di un libro che, una volta aperto, incanta per la minuziosità dei particolari.  

BUON NATALE
Agostino Traini

blog libri bambini mamma leggiamo insieme

Un angelo si annuncia a Maria e la avvisa che presto sarà madre.
Maria e Giuseppe, coppia di sposi, si mettono in viaggio per Betlemme, devono affrontare circa centocinquanta chilometri a piedi.
La strada è lunga e in tutti gli alberghi per il censimento non c'è neanche un posto in questo momento.
Fortunatamente dopo un lungo girovagare, trovano riparo in una stalla tranquilla.

blog libri bambini mamma leggiamo insieme


Gesù viene al mondo in un umile luogo, accolto dall'amore di una mamma e un papà che colpiscono per la purezza e l'intensità del loro amore. 
Schiere di angeli avvisano i pastori che subito accorrono a venerare il bambinello.
Da Nord e da Sud, da Oriente e Occidente giungono persone in adorazione del piccolo e gli porgono doni.
Che notte d'amore, che notte speciale! Gioite voi tutti: è arrivato Natale!

Buon Natale è un libro pop-up che narra la storia senza tempo della nascita di Gesù Bambino.
Sei tavole che creano un vero e proprio presepe animato e affascinano per la loro bellezza. Ogni pagina è un piccolo teatro tridimensionale che si apre a sorpresa.  
La narrazione è scritta in rima e diventa una cantilena divertente e piacevole all'orecchio. 
blog libri bambini mamma leggiamo insieme


Età consigliata: dai 5 anni 

Lo sapevate che Betlemme in ebraico significa "città del pane". Intorno all'anno 1 era una piccola cittadina con meno di mille abitanti le cui attività principali erano l'agricoltura e la pastorizia. Sulle colline attorno a Betlemme vi erano numerose grotte destinate al riparo degli animali.
Per rimanere in tema con la "Città del pane", io e Cristina di Good Food Lab, abbiamo deciso di proporvi la ricetta di deliziosi panini dolci alla ricotta. Scoprite la ricetta cliccando qui 










































Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl