Passa ai contenuti principali

UN LIBRO DA LEGGERE A NATALE: LA NUOVA STORIA DI OLGA DI CARTA

Che caratteristiche deve avere il libro che sceglierete per accompagnarvi durante le feste?
Il mio libro deve contenere parole calde, avvolgenti come una coperta di lana, non deve necessariamente essere da adulti, anzi, preferibilmente da bambini o ragazzi e deve racchiudere un pizzico di magia per farmi sognare.
Una storia che mi catturi e sia in grado di modellare i miei stati d'animo.

Lo scorso anno avevo colmato i miei vezzi con un titolo straordinario pubblicato da Elisabetta Gnone, la storia della piccola Olga di Carta, una bambina con la capacità di narrare storie eccezionali. Nei mesi scorsi ho tanto sperato che uscisse un proseguo e finalmente.... sono stata accontentata.



libri per ragazzi mamma leggiamo insieme


OLGA DI CARTA
JUM FATTO DI BUIO
Elisabetta Gnone
Il villaggio di Balicò è ovattato dalla neve, l'aria profuma di mandarino e gli abitanti si preparano all'arrivo del Natale.
Olga Papel, fanciulla esile come una foglia di mais, riscalda gli animi delle persone grazie alle sue storie.
Le sue parole sono dettate dalla sensibilità e hanno la capacità di prendere forma, per questo sono sempre molto attese.
Al suo passaggio, la gente allunga l'orecchio per porsi in ascolto, perché le storie fanno bene a tutti.

Olga vive con la nonna e il cagnolino Valdo, fedele compagno che dimostra la sua dedizione non allontanandosi mai da lei..a parte quando insegue le volpi!

Ogni giorno la bambina aiuta in fattoria consegnando uova agli abitanti del villaggio. I clienti che incontra attendono con trepidazione di poter passare attimi speciali insieme alla bambina, per abbattere la solitudine e sorridere con i suoi bei racconti. 
Le parole della piccola arrivano sempre al momento giusto e sembrano cucite addosso alle persone come un cappotto disegnato da un abile sarto.

Ma quando arriva l'ispirazione per una nuova e straordinaria narrazione?

L'ispirazione arriva il giorno in cui il bosco del villaggio viene abbattuto, lo sconforto affligge Olga, portandole alla mente una vecchia conoscenza, incontrata tempo prima, durante un addio pesante come un macigno.
Che colore hanno le nostre emozioni? Sono certamente fatte di buio e portano dentro di sé un vuoto apparentemente incolmabile e inconsolabile che si impadronisce delle persone.
Ecco allora che Jum fatto di Buio entra in scena e fissa accanto a loro la sua dimora.

Jum è un personaggio flaccido e informe che si nutre di lacrime.

Le lacrime, come si sa, vengono prodotte in risposta ad un'emozione, sia essa dettata dal dolore, che legata alla gioia.

Quando dentro di noi si crea un grande spazio vuoto e quel vuoto è oscuro come il fondo di un pozzo ci sembra d'essere fatti solo di un buio gelido e vuoto.
Le lacrime sgorgano facilmente e possono essere dolci come il miele, profumate di fiori, talvolta speziate.

Jum porta con sé le storie delle sue “prede”, chi ha perduto ciò che di più caro avesse al mondo, chi ha subito sventure e ha smarrito il senso della propria vita, chi ha perso il suo orizzonte, ma anche chi è semplicemente triste.

Nel villaggio le sue vicende viaggiano alla velocità della luce e come spesso accade vengono travisate, rimodellate, ingigantite. Gli abitanti iniziano ad avere paura e temono che le parole prendano forma, si materializzino. La caccia a Jum non tarda ad iniziare. I fucili dei cacciatori sono pronti a sparare a quell'essere che a detta loro appare malvagio.

Olga rassicura tutti, non è il caso di aver paura, spetta a noi provare a riscattarci, a colmare quel senso di smarrimento che nei momenti di sconforto si mostra con facilità...solo così Jum se ne va.

Il vuoto lascia sempre lo spazio a nuove prospettive, a differenti possibilità, proprio come l'abbattere il bosco di Balicò ha aperto la strada al cielo.

E voi avete incontrato Jum? Io talvolta l'ho nutrito, ma sempre l'ho lasciato andare.


Elisabetta Gnone è nata a Genova e vive sulle colline del Monferrato. E' stata direttore e responsabile delle riviste femminili e prescolari della Walt Disney, per la quale ha ideato la serie a fumetti W.I.T.C.H. E' autrice della saga di Fairy Oak, e ora, con la nuova serie di Olga di Carta, porta ai lettori un nuovo mondo .
Le sue parole sono pura poesia, suonano come un componimento armonico, mai scontato, che culla l'animo. Parole che hanno un peso, talvolta commoventi, arrivano lì dove devono andare. Insegnano che non bisogna avere timore di inciampare in occasioni di gioia.
Le illustrazioni sostengono e intervallano la storia, sono delicati e piacevoli paper cute che mettono l'accento alle parole, senza disturbare l'attenzione del lettore.








Ringrazio la casa Editrice Salani per avermi omaggiato della copia che ho avuto il privilegio di recensire.

Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta stag

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

GIANNI RODARI : FAVOLA SULLA PIOGGIA DI PIOMBINO

Giornata uggiosa? Rodari nelle sue “Favole al telefono” immagina e racconta una pioggia speciale. Vi consiglio di leggerla ai vostri piccoli. memeandsaysay Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO Giulio Einaudi editore La famosa pioggia di Piombino Una volta a Piombino piovvero confetti. Venivano giú grossi come chicchi di grandine, ma erano di tutti i colori: verdi, rosa, viola, blu. Un bambino si mise in bocca un chicco verde, tanto per provare, e trovò che sapeva di menta. Un altro assaggiò un chicco rosa e sapeva di fragola. - Sono confetti! Sono confetti! E via tutti per le strade a riempirsene le tasche. Ma non facevano in tempo a raccoglierli, perché venivano giú fitti fitti. La pioggia durò poco ma lasciò le strade coperte da un tappeto di confetti profumati che scricchiolavano sotto i piedi. Gli scolari, tornando da scuola, ne trovarono ancora da riempirsi le cartelle. Le vecchiette ne avevano messi insieme dei bei fagottelli c