Passa ai contenuti principali

LIBRI PER BAMBINI SUL NATALE: L'ULTIMO REGALO DI BABBO NATALE

Ricordo ancora l’ultimo anno in cui Babbo Natale venne a farmi visita, avevo dieci anni, chiedevo, speravo, temevo. Non ero pronta a dirgli addio, penso che in fondo nessuno lo sia mai abbastanza. 

Ci sono passata anche da mamma, gli ultimi anni in cui le convinzioni di mio figlio hanno iniziato a tentennare, ho visto nei suoi occhi il timore di chi ha paura di crescere e nei miei la paura di vederlo grande.

Per sostenere questo momento di crescita, gli ho sempre detto che Babbo Natale fa visita ai bambini, fino a quando loro credono in lui. 

Questa risposta continua ad aiutarmi quando i miei alunni hanno bisogno di risposte. Funziona! 



L’ULTIMO REGALO DI BABBO NATALE
Marie Aude Murail e Elvire Murail 
illustrazioni di Quentin Blake
CameloZampa editore

Julien è troppo grande per credere ancora a Babbo Natale
Ma visto che i suoi ci tengono così tanto, decide di accontentarli scrivendo forzatamente una lettera nella quale chiede in regalo una console per videogiochi. 
Mamma e papà accontentano la richiesta, in fondo fermare il tempo e tenere il proprio figlio bambino non ha prezzo!
La mattina di Natale il ragazzo scopre, accanto al suo regalo costoso, un pacchetto anonimo contenente una locomotiva a vapore davvero graziosa. 
Nessuno sa da dove arrivi. I genitori sembrano sbalorditi quanto il figlio, si domandano se Babbo Natale non esista davvero e in questo caso si sia anche sbagliato?!?

Mamma e papà convengono che Julien potrà tenere Juliette (questo è in nome che sceglie per la dolcissima locomotiva) solo se nessuno la reclamerà fino al Natale successivo, altrimenti la dovrà restituire!
La locomotiva si rivela un'ottima compagna di avventure, più del capriccio richiesto a mamma e papà per vezzo e noia.

Un racconto commovente e tenerissimo sulla magia del Natale e sul desiderio di rimanere bambini ancora per un po’.


Il numero 100 della casa editrice CameloZampa è una storia commovente che affronta questo meraviglioso tema, un meraviglioso regalo di Natale per tutti noi, uno di quei doni che lascia senza parole.
Il formato lo rende una piccola chicca, un gioiellino che si tiene in una mano.
Non dimentichiamo che questa meraviglia è firmata dalla più amata autrice francese per ragazzi e dal più grande illustratore britannico Quentin Blake



Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl