Passa ai contenuti principali

FESTA DEL PAPÀ: ECCO IL LIBRO GIUSTO

Ogni anno la stessa storia...cosa regalare al papà per fare colpo su di lui?

Al bando i regali scontati, fidatevi di me, ho trovato il regalo perfetto che lo lascerà decisamente a bocca aperta! 
Si tratta di un libro che si legge solo dopo averlo realizzato, un albo che è soprattutto un'esperienza per i bambini che si dovranno impegnare per completarlo passo dopo passo per renderlo unico. 



IO E TE, PAPÀ
Olivia Ruiz di Altamirano
ape Junior - gruppo Salani Editore

Un libro pensato per papà speciali.

Una storia da scrivere con le proprie mani e personalizzare in modo creativo.
Un piccolo albo dove mettere ordine ai pensieri, sentimenti, emozioni provate per chi ci avvolge da sempre tra le sue braccia forti e ci fa sentire al sicuro.

L'autrice, Olimpia Ruiz , non ci lascia una storia impacchettata, di quelle già scritte, ma ci    propone un libro da completare dove i protagonisti sono il bambino/a e il suo papà.

Le pagine, alternano piccoli questionari con semplici domande a cornici messe a disposizione per essere illustrate. 
Ognuno troverà il giusto canale per esprimere l'amore che prova, che siano semplici parole, piccoli scarabocchi, disegni o perché no anche fotografie,...

Occorre saper scrivere per completare l'albo?

No, le domande sono semplicissime, anche i piccolissimi potranno rispondere senza difficoltà, basterà fare la crocetta al posto giusto e poi illustrare a piacimento le cornici.

Le risposte permetteranno al papà di scoprire in cosa siete simili, quali giochi amate fare in sua compagnia, e ancora quante cose potete fare ancora insieme.

E per finire..una pagina da scrivere a quattro mani e una vera dichiarazione d'amore che lo farà gongolare.


Una lettura che ho trovato geniale nella sua semplicità, sono certa che una volta scritta, entrerà nella routine di lettura dei vostri piccoli e ogni volta che la sfoglierete risulterà emozionante. 

Perché in fondo, tu e papà vi somigliate come due gocce che cadono dalla stessa fonte.

Ringrazio l'autrice per avermi inviato questo bellissimo libro fresco di ristampa, un successone che nasce come autopubblicazione ed ora è un bestseller per il gruppo Salani.

Buona lettura !

Età consigliata: dai 3 anni - festa del papà
Prezzo di copertina: 10 euro



Commenti

Post popolari in questo blog

IL TUTORIAL CHE TI INSEGNA COME COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I TUOI BAMBINI

COSTRUIRE UN TAVOLO LUMINOSO PER I VOSTRI BAMBINI Il tutorial che vi porto oggi è uno a cui tengo particolarmente, essendo uno dei primi DIY che ho realizzato per i miei bimbi e che ci ha regalato tanti bei momenti: il tavolo luminoso ispirato al Reggio Emilia Approach . Metodo che assegna un ruolo centrale al bambino e dove tra tanti aspetti cerca di potenziare la creatività tramite la sperimentazione, il gioco, la musica, l’arte, ecc....e dove la luce ha un ruolo fondamentale. Il tavolo luminoso è lo strumento ideale per sviluppo della percezione sensoriale, dell'osservazione, è indicato per prolungare i tempi d’attenzione e migliorare l'apprendimento scolastico attraverso il gioco. COSA VI OCCORRE: -Tavolino LATT Ikea -Lastra di plexiglass (vetro sintetico) traslucida opaca  delle stesse misure di quella in dotazione del kit del tavolo. Ho trovato un negozio online che lo tagliava su misura. Vi lascio il link -Carta sta

UNA POESIA CONTRO LA GUERRA... DI GIANNI RODARI

  PROMEMORIA CI SONO COSE DA FARE OGNI GIORNO: LAVARSI, STUDIARE, GIOCARE PREPARARE LA TAVOLA, A MEZZOGIORNO. CI SONO COSE DA FARE DI NOTTE: CHIUDERE GLI OCCHI, DORMIRE, AVERE SOGNI DA SOGNARE, ORECCHIE PER SENTIRE. CI SONO COSE DA NON FARE MAI, NÉ DI GIORNO  NÉ DI NOTTE NÉ PER MARE  NÉ PER TERRA: PER ESEMPIO, LA GUERRA! GIANNI RODARI immagine tratta dal blog   Farefuorilamedusa

Il pensiero di Loris Malaguzzi raccolto in una poesia per bambini...

Invece il cento c'è" è la poesia per bambini  scritta dal celebre pedagogista Loris Malaguzzi, in poche righe riassume il pensiero del fondatore del Reggio Approach. È contenuta all'interno del libro " I cento linguaggi dei bambini". INVECE IL CENTO C'E' Il bambino è fatto di cento. Il bambino ha cento lingue cento mani cento pensieri cento modi di pensare di giocare e di parlare cento sempre cento modi di ascoltare di stupire di amare cento allegrie per cantare e capire cento mondi da scoprire cento mondi da inventare cento mondi da sognare. Il bambino ha cento lingue (e poi cento cento cento) ma gliene rubano novantanove. Gli dicono: di pensare senza mani di fare senza testa di ascoltare e di non parlare di capire senza allegrie di amare e di stupirsi solo a Pasqua e a Natale. Gli dicono: di scoprire il mondo che già c’è e di cento gliene rubano novantanove. Gl